Nick Read: Vodafone continuerà a puntare sui secondi brand come ho. e su offerte più semplici


Il Report del 2019 di Vodafone Group, tra le altre cose, ha presentato i pareri sulla gestione dei principali nomi alla guida del colosso delle telecomunicazioni. Nick Read, CEO di Vodafone Group, ha fornito una sua review intitolata “Un focus sull’eccellenza operativa e sulla crescita organica”.

Partendo dalla crescita dell’operatore, che va di pari passo con importanti investimenti, Nick Ready ricorda l’operazione di acquisizione degli assets di Liberty Global in Germania ed Est Europa, che permetteranno di accompagnare la trasformazione strategica di Vodafone in un leader convergente, con i più ampi network 4G e 5G di Europa, sottolinea il report.

Gli obiettivi di lungo periodo di Vodafone sono molto ambiziosi, ma il CEO del Gruppo ritiene che l’operatore si trovi attualmente nella giusta posizione per raggiungerli. Dal punto di vista finanziario, il Gruppo mira, come ormai noto, a raggiungere una crescita organica dei ricavi, a espandere i suoi margini EBIT e a incrementare la sua generazione di cassa.

Di seguito, un primo commento di Nick Read sulle prospettive future di Vodafone:

   

“Ritengo che il successo in questa nuova fase della trasformazione di Vodafone richieda un focus rinnovato nei confronti dell’eccellenza operativa e delle performances commerciali all’interno del Gruppo. Quando ho assunto il ruolo di CEO lo scorso Ottobre, ho identificato tre priorità chiave per l business. Nei mercati maturi, dobbiamo concentrarsi sul miglioramento dell’engagement con i nostri clienti, principalmente vendendo “un prodotto in più” per aumentare le entrate e abbassare il tasso di abbandono. Dobbiamo anche accelerare la nostra trasformazione digitale, migliorando sia la customer experience che l’efficienza delle nostre operazioni con un approccio radicalmente più semplice. E dobbiamo esplorare tutte le opzioni per migliorare l’utilizzo delle nostre risorse di rete per mezzo di una nuova enfasi sulle partnership”.

Tale strategia ha giustificato anche la scelta di tagliare i dividendi, che, afferma Nick Read, non è stata presa con leggerezza: lo scopo del Gruppo resta infatti quello di incrementare la possibilità di fornire puntualmente adeguati ritorni economici a tutti gli shareholders.

Come sopra accennato, la nuova strategia di Vodafone prevede anche una serie di importanti partnership con lo scopo di ridurre i costi operativi e le spese in conto capitale, senza però sacrificare la qualità o la differenziazione. Così facendo, Nick Read promette che i clienti Vodafone potranno beneficiare di una copertura maggiore e di un rollout molto più rapido, riducendo anche l’impatto ambientale per via della concentrazione e condivisione di risorse.

Come noto, i memorandum d’intesa fino ad ora annunciati coinvolgono TIM in Italia e O2 in Regno Unito. Un altro accordo è stato invece già concluso con Orange in Spagna e Read afferma che Vodafone sta già intravedendo altre opportunità in altri mercati.

Come afferma Nick Read, infatti:

“Investire sulle nostre risorse di rete è al centro della nostra strategia, e restiamo impegnati a offrire una customer experience differenziata. Tuttavia, in tutti i mercati in cui operiamo c’è almeno un altro leading player che mostra una visione simile alla nostra”.

Si ricorda che, tra le altre cose, Vodafone ha anche concluso alcuni accordi di partnership con AT&T e ARM per l’IoT e con IBM per quanto concerne invece i servizi cloud.

Nick Read, CEO di Vodafone

Per finire, si analizza la componente della strategia riguardante le nuove proposte commerciali. L’idea di Nick Read è quella di spingere l’operatore rosso verso offerte sempre più semplici, che possano sostituire il vasto spettro di prodotti e servizi a prezzi diversi.

Le attuali offerte dell’industria, infatti, sono viste da Read come una pesante eredità, che confonde i potenziali clienti e complica la gestione dell’infrastruttura IT anche in termini di costi, limitando l’agilità commerciale degli operatori. Con lo scopo di intercettare tutte le opportunità offerte dalla digitalizzazione, Vodafone dovrà dunque semplificare le sue offerte in tutti i mercati in cui è attiva; al momento, l’operatore ha già compiuto importanti passi avanti in Germania e in Spagna.

Per finire, con riferimento ai secondi brand, Nick Read afferma che Vodafone continuerà a curarli per via delle preziose opportunità che offrono. Di seguito, il parere del CEO:

“Vediamo un’opportunità di crescita per i prossimi anni utilizzando brand secondari come ho. in Italia, Lowi in Spagna e VOXI nel Regno Unito. Offrendo caratteristiche distinte, come un limite di velocità e un servizio clienti solo online, possiamo offrire più valore al segmento senza erodere i nostri margini”.

Si ricorda che nella conferenza di presentazione dei risultati finanziari, tenutasi il 14 Maggio 2019, è stato dichiarato che ho. mobile ha superato 1,1 milioni di clienti in meno di un anno dal lancio.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.