Open Fiber apprezza l’introduzione dei bollini AGCOM per riconoscere la vera Fibra


L’operatore wholesale only Open Fiber ha voluto dire la sua sull’introduzione, tramite una delibera dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) risalente a Luglio 2018, dei bollini colorati che aiutano i consumatori ad identificare la tipologia di infrastruttura di un’offerta di rete fissa (o wireless).

Open Fiber ha infatti pubblicato sul suo sito una nota, con cui spiega come l’introduzione dei bollini abbia stabilito una volta per tutte quando si debba effettivamente utilizzare il termine “Fibra”, spesso impropriamente usato negli anni scorsi.

L’operatore, che ha già cablato e continua a cablare molte città italiane con la sua infrastruttura interamente in fibra ottica, dalla centrale fino all’abitazione del cliente, con velocità fino ad 1 Gigabit/s, ricorda come prima dell’introduzione della delibera ci fosse un’informazione commerciale poco chiara nei confronti del consumatore, soprattutto per quanto concerne l’identificazione della “Fibra”, termine che era erroneamente utilizzato per definire anche le connessioni in FTTC (Fiber To The Cabinet) e non solo FTTH (Fiber To The Home), come invece avviene adesso.

Come spiegato a suo tempo da MondoMobileWeb, i bollini imposti dall’AGCOM agli operatori sono entrati in vigore nei primi giorni di Agosto 2018, per ottemperare alla delibera 292/18/CONS di Luglio 2018, che impone anche che il termine “Fibra” venga usato solo se l’infrastruttura alla quale ci si riferisce è di tipo FTTH o FTTB.

   

I bollini colorati sono 3, ecco in quali casi vengono utilizzati:

  • Bollino Verde, con dicitura “Fibra” (F): utilizzato solo in caso di connessione in FTTH (Fiber To The Home) o FTTB (Fiber To The Building), ossia quando la rete è interamente in fibra ottica e ed arriva fino a casa del cliente o alla base dell’edificio;
  • Bollino Giallo, con dicitura “Misto Fibra Rame” (FR): utilizzato solo in caso di connessione in FTTC (Fiber To The Cabinet), ossia quando la rete di connessione è in fibra solo fino all’armadio in strada (cabinet) e poi prosegue in rame fino all’abitazione del cliente.
    Nel caso di collegamento wireless FWA (Fixed Wireless Access) la dicitura cambia in “Misto Fibra Radio”, ossia per connessioni in fibra fino al ripetitore radio e poi in collegamento wireless fino al cliente;
  • Bollino Rosso, con dicitura “Rame” (R): utilizzato solo in caso di connessione in ADSL interamente in rame.
    Nel caso di collegamento wireless la dicitura cambia in “Radio”, per connessioni FWA che non garantiscono l’utilizzo di servizi a banda ultralarga.

Open Fiber

Open Fiber coglie anche l’occasione per ricordare che sta portando avanti un capillare piano di cablaggio della rete in Fibra FTTH messa a disposizione dei suoi partner che potranno poi vendere i propri servizi, in 271 città in tutta Italia con un intervento finanziato con fondi propri di natura privata e contemporaneamente si è aggiudicata i bandi pubblici indetti da Infratel per cablare anche le cosiddette “aree bianche”, come piccoli centri e aree rurali.

A proposito dell’investimento privato, si ricorda che di recente Open Fiber, in occasione dell’evento TMT M&A Awards 2018, si è aggiudicata il premio TMT Finance Infrastructure Loan of the year 2018 – EMEA per aver finalizzato nello scorso mese di Agosto 2018 il finanziamento da 3,5 miliardi per lo sviluppo della rete in fibra ottica in Italia.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.