Grazie a un’app, l’assicurazione diventa più cara per chi usa lo smartphone alla guida


Smartphone al volante, pericolo costante“: così il noto proverbio andrebbe riadattato ai giorni nostri, considerato quanto possa essere rischioso usare il cellulare durante la guida, una pratica divenuta oramai consuetudine.

Dagli Stati Uniti giunge l’idea sviluppata da Arity per contrastare il problema: l’app che consente di capire se il guidatore sta usando o meno il cellulare in viaggio, in modo tale che le agenzie assicurative possano rimodulare la polizza auto, premiando o penalizzando il conducente.

Si chiama Arity la società specializzata nella raccolta ed elaborazione di dati, nonché ideatrice della una nuova tecnologia: si tratta di un sistema innovativo che permette di verificare se l’automobilista sta usando effettivamente lo smartphone sfruttandone i sensori quali l’accelerometro e il giroscopio. Che sia poggiato su una superficie o tenuto in mano, se è bloccato, se le applicazioni vengono utilizzate o se sono in standby: tutte informazioni ottenute grazie alla nuova app, utile per le compagnie assicurative per stabilire incentivi e penalità a seconda del comportamento del guidatore in marcia. In questo modo, potranno essere puniti con polizze più care coloro che proprio non riescono a stare lontani dal cellulare, mentre i più virtuosi verranno premiati con agevolazioni e tariffe più basse.

A puntare il dito contro gli automobilisti che non possono fare a meno del cellulare al volante sono i dati: Arity, in collaborazione col gigante assicurativo Allstate, ha evidenziato quanto costino i conducenti indisciplinati, ovvero il 160% in più rispetto ai clienti rispettosi delle norme.

L’utilizzo dello smartphone è, a tutti gli effetti, una deviazione di attenzione dal compito primario, come quello di guidare in questo caso, un argomento che abbiamo già affrontato in passato su MondoMobileWeb. Coloro che usano il cellulare, automobilisti o pedoni che siano, in momenti poco opportuni, hanno infatti maggiori possibilità di distrarsi, aumentando sensibilmente la possibilità di provocare e restare coinvolti in un incidente stradale.

   

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter e iscriviti gratis nel nostro canale Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale. Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus