Verso le verità di Iliad: dal nome “Ho. Mobile” ai ritardi all’avvio delle attività del nuovo quarto operatore


Mentre le antenne sono pronte per la trasmissione delle frequenze e i segnali visibili dell’arrivo della Iliad SA si manifestano con la creazione dei quartier generali a Milano e a Roma, Il quotidiano “La Repubblica” ha dedicato stamani una doppia pagina sulle ultime novità della società francese in merito al lancio del quarto operatore mobile in Italia. L’articolo è stato scritto da Stefano Carli.

La principale novità riguarderebbe il rinvio della partenza delle attività. Pur essendo incerta tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, l’accensione dei motori, secondo quanto pubblicato da Repubblica, dovrebbe essere rinviata, in virtù dell’impegno a cominciare già da novembre 2017 in base a quanto sarebbe previsto dalle leggi antitrust europee. Sul quotidiano si ipotizza che tale partenza possa avverarsi a condizione che Iliad cominci ad operare con un’altissima quota di roaming sulle reti di Wind Tre, probabilmente come operatore virtuale. Il lancio del nuovo quarto operatore potrebbe avvenire ad inizio 2018, fino anche a spingersi ad aprile 2018. Ciò che mantiene celato il periodo di avvio è un segreto industriale che la Commissione avrebbe posto sulla documentazione utile a capire meglio la vicenda.

A sorprendere è sicuramente anche il fatto che per la prima volta su un giornale nazionale si parli di “Ho. Mobile”, il nome che il nuovo quarto operatore avrebbe. MondoMobileWeb, aveva già chiesto a Xavier Niel sul suo profilo twitter se questo fosse il nome del futuro quarto gestore telefonico, senza purtroppo ricevere risposta.

Nonostante la ripetitività dell’indiscrezione, pare che “Ho. Mobile” sia ufficialmente il nome del nuovo quarto operatore, soprattutto in virtù del fatto che abbia già sostituito in alcune zone d’Italia la numerazione 22250 riferita appunto a Iliad e che appare quando si effettua la ricerca manuale delle reti.

   

Interessante è anche la questione che emerge circa la collocazione delle sedi di Iliad S.p.A. Il quartier generale di Milano, difronte al grattacielo della Regione Lombardia, si trova anche nello stesso edificio della ZTE, l’azienda cinese occupata per la gestione della rete telefonica di Wind Tre da dicembre 2016.

A Roma, invece, in Largo Fochetti la società è ubicata nello stesso edificio in cui opera anche la PricewaterhouseCoopers, la rete internazionale di imprese che si occupa di revisione di bilanci, consulenza di direzione, legale e fiscale. La PricewaterhouseCoopers si occuperà dell’assistenza contabile a Iliad S.p.A.

Maggiori informazioni sembrano giungere anche dalla questione della strategia rivolta all’economicità della società. In Italia Niel abbatterà i costi grazie all’assunzione di manager giovani e in generale alla creazione di un Consiglio di Amministrazione di esperienza modesta. A contribuire alla riduzione dei costi saranno anche i risparmi sulle rete di vendita in virtù dell’adozione dei distributori automatici di Sim come principale canale di vendita. Se i tre principali operatori italiani presentano una media di 5000 punti vendita di proprietà a testa, Iliad ha in Francia soltanto 60 negozi.

Per risparmiare, come già annunciato su MondoMobileWeb.it, si abbatteranno anche i costi dell’assistenza clienti, attraverso l’esternalizzazione del servizio a sistemi robotizzati o online. Non sconosciute erano infatti le doti di Xavier Niel come pioniere della digitalizzazione anche nel proprio paese.

Xavier Niel

Niel vuole quindi importare la sua visione tecnologica anche sul mercato Italiano, accettando di prendere le decisioni innovative, e per questo rischiose, che in Italia non sono l’abitudine. In questo scenario, il bando di gara per le frequenze 5G in vista per settembre 2018 potrebbe essere l’opportunità per Xavier Niel.

 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter e iscriviti gratis nel nostro canale Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale. Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze.


 



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus