Eventi e IniziativeTech 5G e IoTWindTre

WINDTRE e Associazioni dei consumatori: report su percezioni e aspettative per il 5G

Il 23 Febbraio 2023, alcune Associazioni dei consumatori, in collaborazione con WINDTRE, hanno presentato a Roma, presso l’Associazione Civita, un report dal titolo “5G e Cultura Digitale“, stilato a seguito di un’indagine che si è interrogata sul livello di conoscenza degli italiani relativamente alla tecnologia 5G.

Realizzata, in particolare, da Adiconsum, Adoc, Altroconsumo, Cittadinanzattiva, Federconsumatori e Udicon, con il “sostegno non condizionante” di WINDTRE, la ricerca (ecco il documento completo) è stata discussa con Mario Frullone, Direttore Scientifico Fondazione Ugo Bordoni, Alessandro Polichetti, Centro Nazionale per la Protezione dalle Radiazioni e Fisica Computazionale dell’Istituto Superiore di Sanità e Giovanni Santella, Vice Segretario Generale dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, che hanno partecipato alla presentazione (ecco il documento completo).

Coinvolgendo nell’indagine un campione di circa 6000 cittadini, lo studio evidenzia il 5G come una tecnologia ancora poco diffusa, soprattutto tra gli anziani, con solo il 21,4% degli intervistati che ha dichiarato di utilizzare una connessione mobile 5G.

Dal report non emergono differenze significative tra fasce di età, ma lo stesso sottolinea un maggior utilizzo della tecnologia da parte dei più giovani, così come dei soggetti con un titolo di studio più elevato e dei nuclei familiari che comprendono minori.

La classe d’età che invece non appartiene alle generazioni dei “nativi digitali”, quindi dai 44 ai 58 anni, ha un approccio ambivalente verso il 5G, volendo acquisire familiarità con l’innovazione che la tecnologia rappresenta, ma rimanendo al tempo stesso prudente sulle conseguenze e gli ipotetici effetti dannosi che potrebbe comportare per la propria salute.

WINDTRE 5G consumatori associazioni

Secondo il rapporto, nello specifico, il 54% di chi non utilizza il 5G ha dichiarato di non possedere un dispositivo compatibile, mentre il 18% non ne conosce i vantaggi o non è interessato a conoscerli, posizione che risulta maggiormente diffusa nel Nord Italia.

Il 32,5% di coloro che ancora non usano il 5G ha invece dichiarato di non essere intenzionato a passare alle nuove reti, mentre il 49,5% ha affermato che lo farà nel lungo periodo, dopo aver acquisito maggiori informazioni e verificato gli sviluppi futuri della tecnologia. Il 44,6% degli intervistati, infine, non sa se il 5G sia disponibile o meno nella propria città, una risposta registrata in percentuale più elevata al Sud (24%).

Da parte dei cittadini coinvolti nell’indagine, in particolare nelle fasce d’età più avanzate, emerge poi una carenza di conoscenze specifiche sulla tecnologia e sui dispositivi 5G, desiderando comunque di ricevere un’informazione corretta sull’argomento, nonostante una certa diffidenza maturata per via di false informazioni.

Dalla ricerca, si evince infatti come oltre la metà degli intervistati, il 56%, ha una conoscenza minima o nulla sul 5G, con la principale fonte di informazione rappresentata dagli articoli di approfondimento, per il 42% delle risposte, seguiti dai canali social, per il 32,5%.

Un dato che però cambia tenendo conto del livello di conoscenza che gli utenti hanno dell’argomento, con le principali fonti di informazioni rappresentate dagli articoli di approfondimento (circa 60%) considerando un campione di intervistati con un livello medio o alto, mentre chi, al contrario, ha una conoscenza minima o nulla, ha indicato come fonte principale il passaparola di amici e conoscenti (36%), la TV (35%) e i canali social (30%).

Per questo motivo, secondo il rapporto, l’82,5% dei rispondenti ha evidenziato la necessità di informazioni più concrete, affidabili e dettagliate, in particolare relativamente alla salute, alla sicurezza informatica e alla privacy, con circa il 60% che ha ritenuto che tali informazioni dovrebbero provenire dalle Associazioni dei consumatori.

Il 14% degli intervistati si è infatti dichiarato preoccupato per i possibili effetti della tecnologia sulla propria salute, mentre il 32% dei rispondenti ha dichiarato di condividere almeno una delle false informazioni sul tema, diffusesi su alcuni canali di comunicazione nel corso degli anni.

Opensignal 5G TIM

Secondo lo studio, dunque, la diffusione del 5G presenta diverse sfide, come garantire la sicurezza informatica e rispettare i diritti dei consumatori. Ciononostante, gli utenti credono che la tecnologia avrà un impatto positivo su molti settori economici, stimolando lo sviluppo e il miglioramento dei servizi, e che potrà ridurre le disuguaglianze sociali.

I risultati della ricerca mostrano infatti come il 70% degli intervistati ha ritenuto importante o anche solo utile la diffusione del 5G, in misura maggiore per chi ha un titolo di studio più alto e per chi abita nel Sud Italia e nelle Isole.

Tra i potenziali vantaggi che potrebbe portare l’adozione in larga scala della tecnologia, gli utenti coinvolti nell’indagine hanno indicato, principalmente, il miglioramento delle performance delle comunicazioni, sia telefoniche che in rete (79,6%), seguito dallo sviluppo di innovazioni tecnologiche nell’ambito della robotica e della transizione delle città verso il modello Smart City (50,9%), oltre ai progressi che il 5G potrebbe portare in altri settori, come la formazione, la sanità, l’economia e i trasporti.

Inoltre, per il 58% dei rispondenti in particolare, lo sviluppo del 5G e dei servizi associati rappresenta un’opportunità anche in termini di riduzione delle disuguaglianze sociali, un’aspettativa condivisa soprattutto dai più giovani e dai cittadini del Sud e delle Isole.

Da quanto emerge dal report realizzato dalle Associazioni dei consumatori, quindi, i cittadini sono interessati al 5G, riconoscendone i vantaggi che potrebbe offrire.

Per le parti coinvolte, dunque, risulta importante promuoverne la diffusione, fornendo informazioni più dettagliate sulla tecnologia e sulle sue caratteristiche, soddisfacendo le esigenze degli utenti e tutelando i loro diritti di consumatori.

Editing Mattia Castro

Seguici su Telegram

Per rimanere aggiornato sulle novità della telefonia unisciti al canale @mondomobileweb di Telegram.

Seguici anche su Google News, Facebook, X e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Caro Lettore, grazie per essere qui. Ti informo che con un blocco degli annunci attivo chi ci sostiene non riesce a mantenere i costi di questo servizio gratuito. La politica è di non adottare banner invasivi. Aggiungi mondomobileweb.it tra le esclusioni del tuo Adblock per garantire questo servizio nel tempo.