InwitReti 5GTimVodafone

Piano Italia 5G, aree a fallimento di mercato: INWIT si aggiudica oltre 345 milioni di euro

Un nuovo bando del Piano Italia 5G del PNRR è stato aggiudicato nelle ultime ore: la gara per la realizzazione e il completamento delle reti 5G nelle aree a fallimento di mercato è stata vinta in tutti i 6 lotti territoriali previsti da INWIT, insieme a TIM e Vodafone, raggruppamento a cui andrà un contributo pubblico di oltre 345 milioni di euro.

Lo ha reso noto oggi, 28 Giugno 2022, Infratel Italia, società in-house del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE), in seguito alla delibera del Consiglio di Amministrazione con cui è stata approvata la proposta di aggiudicazione non efficace della gara che servirà per completare la copertura delle reti mobili 5G nei territori italiani privi di copertura internet veloce.

Se qualche settimana fa è stato aggiudicato il bando per la rilegatura in fibra delle antenne, in questo caso si tratta del bando previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) la cui pubblicazione era stata annunciata lo scorso 21 Maggio 2022, che prevedeva un contributo massimo posto a base di gara pari a 567.043.033 euro, sotto forma di incentivo che copre fino al 90% degli investimenti sostenuti dagli operatori.

Nello specifico, l’intervento incentiva la realizzazione di nuove infrastrutture di rete mobile (componenti passive e attive, inclusi i rilegamenti in fibra ottica) con velocità di trasmissione di almeno 150 Mbps in download e 30 Mbps in upload, da effettuare nelle aree a fallimento di mercato.

L’aggiudicazione del bando ad INWIT insieme a TIM e Vodafone

Come già accennato, tutti i lotti di questo bando sono stati aggiudicati ad INWIT Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A., in costituendo RTI (Raggruppamento Temporaneo di Imprese) con TIM S.p.A. e Vodafone S.p.A., a cui andrà complessivamente un contributo di 345.716.657 euro. Questo raggruppamento ha quindi offerto un ribasso rispetto all’importo posto a base di gara.

Si ricorda che INWIT è il tower operator italiano controllato da TIM e da Vodafone, quest’ultima in seguito alla fusione degli asset delle infrastrutture di rete di INWIT e di Vodafone Italia avvenuta negli anni scorsi.

Ecco quindi i sei lotti territoriali aggiudicati al raggruppamento composto da INWIT, TIM e Vodafone, con il relativo contributo economico previsto per ognuno:

  • Lotto 1 (Lazio, Piemonte, Valle d’Aosta) contributo di 54.654.369 euro concesso a INWIT in costituendo RTI con TIM e Vodafone;
  • Lotto 2 (Liguria, Sicilia, Toscana) contributo di 62.574.055 euro concesso a INWIT in costituendo RTI con TIM e Vodafone;
  • Lotto 3 (Lombardia, Sardegna, p.a. Bolzano, p.a. Trento) contributo di 60.375.884 euro concesso a INWIT in costituendo RTI con TIM e Vodafone;
  • Lotto 4 (Friuli-Venezia Giulia, Umbria, Veneto) contributo di 55.908.954 euro concesso a INWIT in costituendo RTI con TIM e Vodafone;
  • Lotto 5 (Calabria, Emilia Romagna, Marche) contributo di 55.673.475 euro concesso a INWIT in costituendo RTI con TIM e Vodafone;
  • Lotto 6 (Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia) contributo di 56.529.920 euro concesso a INWIT in costituendo RTI con TIM e Vodafone.

Per ognuno di questi lotti, entro i termini previsti è pervenuta una sola offerta, cioè quella di INWIT insieme a TIM e Vodafone.

reti 5G INWIT TIM Vodafone

Ulteriori info sul Piano Italia 5G

Il criterio applicato per l’aggiudicazione è stato quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa. L’attuazione del Progetto di investimento avrà inizio a decorrere dalla data di sottoscrizione della Convenzione e si concluderà entro il 30 Giugno 2026, nel rispetto degli obiettivi del PNRR.

Le reti 5G finanziate saranno soggette agli obblighi di accesso previsti dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM).

Si segnala infine che, sempre nella giornata di oggi, 28 Giugno 2022, Infratel Italia ha aggiudicato un altro bando, in questo caso relativo alla concessione di contributi pubblici per il finanziamento di progetti di investimento per la realizzazione di nuove infrastrutture di telecomunicazioni e relativi apparati di accesso in grado di erogare servizi con capacità di almeno 1 Gbps in download e 200 Mbps in upload nelle province autonome di Trento e Bolzano.

Questo bando sulla Fibra da 65.006.640 euro è stato aggiudicato a TIM, in costituendo RTI con FiberCop, mentre al secondo posto si è piazzata Retelit.

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button