Telco ItaliaWindTre

WindTre: all’evento per rilanciare il settore TLC in Italia esposte 3 differenti proposte

Nel primo pomeriggio di oggi, 28 febbraio 2022, si è tenuto l’evento organizzato da The European House – Ambrosetti, in collaborazione con Windtre, dal titolo “La crisi delle telco in Italia: 3 proposte per rilanciare il settore“.

All’evento in diretta streaming online, dedicato allo studio intitolato “Il valore del settore delle telecomunicazioni per il sistema Paese“, hanno partecipato: Valerio De Molli, Managing Partner e CEO The European House- Ambrosetti, Gianluca Corti, Chief Commercial Officer e prossimo co-Ceo di WindTre, Laura Castelli, Viceministro Ministero dell’Economia e delle Finanze, e Antonio Palmieri, Co-Fondatore intergruppo parlamentare per l’innovazione tecnologica.

Valerio De Molli, inizialmente, ha fatto un excursus sul comparto telecomunicazioni, che genera complessivamente un giro d’affari di 71 miliardi di euro e valore aggiunto per 38,1 miliardi di euro, contribuendo al 2,3% del PIL nazionale.

A questi si aggiungono i 2,9 miliardi all’anno di impatto fiscale abilitato, generati attraverso l’IVA sui servizi. Questo importo rappresenta l’1,9% del gettito IVA complessivo ed è pari al 43% dei fondi del PNRR per lo sviluppo della banda ultralarga in Italia.

Il CEO di The European House – Ambrosetti, poi, ha sottolineato il ruolo chiave delle infrastrutture di rete per lo sviluppo del Paese, in grado di permettere la fruizione di servizi come lo smart working, le smart factory, lo streaming e di altre innovazioni che, in questi anni, hanno trasformato il modo di vivere delle società.

Per conoscere le anteprime, le notizie, le novità e gli approfondimenti sul mondo della telefonia, è possibile seguire MondoMobileWeb su Google News, cliccando sulla stellina o su “Segui”.

WindTre
Gianluca Corti, uno dei due nuovi Amministratori Delegati di WINDTRE da Aprile 2022

Di simile opinione anche Gianluca Corti, che ha ricordato gli investimenti dello scorso decennio volti ad estendere la copertura a banda larga e ultralarga, a sviluppare il 5G e a potenziare la sicurezza delle infrastrutture, per un totale di 65 miliardi di euro, in un contesto competitivo, poco redditizio, frammentato e con prezzi costantemente in calo.

Gianluca Corti, Amministratore Delegato designato di WindTre, ha dichiarato:

“L’impatto potenziale del dispiegamento del 5G può generare un valore aggiunto sull’economia italiana di 25 miliardi di euro in 10 anni, una stima che evidenzia una volta di più la necessità di supportare e incoraggiare gli investimenti delle telco. […]

Il Governo sta facendo la sua parte, ha aggiunto il manager, con 6 miliardi e mezzo di fondi previsti per le infrastrutture, ma le telco italiane devono ancora fronteggiare burocrazia e regole stringenti che rendono difficoltosi gli investimenti, a partire dai limiti elettromagnetici sensibilmente più bassi rispetto al resto d’Europa.

Quest’ultimo è un tema entrato ormai nell’agenda politica e siamo fiduciosi che il ministro Giorgetti convochi presto gli operatori e gli stakeholder per affrontare questa e altre questioni centrali per il settore. In caso di una mancata revisione dei limiti, si rischia di rallentare la diffusione del 5G, indispensabile per supportare la richiesta sempre crescente di traffico dati. […]

Un altro punto cruciale è la necessità di stimolare con il credito d’imposta gli investimenti in servizi di telecomunicazione delle imprese, come avviene per l’Industria 4.0. È un’evoluzione importante sia sul piano tecnologico sia per la diffusione della cultura e delle competenze digitali, che va affiancata a programmi di formazione continua nelle scuole e nel mondo del lavoro. […]

Per attuare queste misure, è cruciale la collaborazione tra imprese e istituzioni. In questa direzione, il nostro settore intende contribuire alla realizzazione di politiche di sviluppo più efficaci possibile”.

Alla luce di ciò, The European House – Ambrosetti, insieme a WindTre, hanno sviluppato 3 differenti proposte, “non solo per analizzare l’Italia di oggi, ma per rilanciare l’Italia di domani”. Di seguito i suggerimenti:

  • incentivare gli investimenti in infrastrutture attraverso la semplificazione normativa, la revisione dei limiti di emissioni elettromagnetiche per gli impianti di telefonia mobile e la promozione del paradigma del partenariato pubblico-privato;
  • sviluppare le competenze dei cittadini e dei lavoratori, per favorire la diffusione della cultura digitale (con particolare riferimento alle competenze STEM) dai livelli primari dell’istruzione fino a chi si trova già nel mondo del lavoro o è disoccupato, con percorsi pubblico-privati di re-skilling e up-skilling;
  • favorire gli investimenti in connettività e in soluzioni di telecomunicazione da parte delle imprese manifatturiere anche tramite l’estensione del credito d’imposta già previsto dalla disciplina “Transizione 4.0” e la strutturazione di un sistema di incentivazione che non penalizzi l’acquisto di servizi digitali rispetto all’acquisto diretto di macchinari e software.

Il potenziale impatto delle telco sul futuro del Paese viene stimato grazie a diversi indicatori, tra cui la velocità di connessione, poiché all’aumento della velocità media di connessione di 10 Mbps, il PIL aumenterebbe di 0,9 punti percentuali e se l’Italia si allineasse alla velocità media dell’UE nel 2025, il PIL registrerebbe 40,9 miliardi di euro aggiuntivi.

A questo fattore si aggiungono: la diffusione della banda ultralarga, considerando che, se la percentuale di aziende coperte dalla banda larga in Italia raggiungesse il valore medio UE, il PIL registrerebbe nel 2025 110 miliardi di euro aggiuntivi; e gli Investimenti Diretti dall’Estero, con una crescita di 1,2 miliardi aggiuntivi se la copertura della rete a banda ultralarga raggiungesse la media europea.

Per rimanere aggiornato sulle novità della telefonia unisciti al canale @mondomobileweb di Telegram. Seguici anche su Google News, Facebook, X e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Caro Lettore, grazie per essere qui. Ti informo che con un blocco degli annunci attivo chi ci sostiene non riesce a mantenere i costi di questo servizio gratuito. La politica è di non adottare banner invasivi. Aggiungi mondomobileweb.it tra le esclusioni del tuo Adblock per garantire questo servizio nel tempo.