PosteMobilePosteCasaReti e Frequenze

PosteMobile, l’AD di PostePay Siracusano sulla rete mobile Vodafone e sull’offerta in Fibra

Dopo il passaggio di PosteMobile alla rete di Vodafone Italia, con l’abbandono definitivo di quella WindTre per nuovi e già clienti, l’AD di Postepay Marco Siracusano ha commentato i vantaggi dell’operazione.

Marco Siracusano è stato infatti intervistato dal TG Poste il 2 Luglio 2021, per descrivere gli sviluppi futuri di PostePay S.p.A. e di PosteMobile partendo proprio dall’accordo con Vodafone.

Nel corso dell’intervista, l’AD ha ricordato la recente notizia del passaggio alla rete Vodafone, ufficializzata da PosteMobile con la progressiva migrazione dei già clienti iniziata il 16 Giugno 2021, a cui ha fatto seguito il 24 Giugno 2021 l’annuncio dell’attivazione delle nuove SIM direttamente su rete Vodafone.

A tal proposito, l’AD Marco Siracusano ritiene che l’accordo con Vodafone siglato qualche mese fa rientri in quel processo di rafforzamento dell’infrastruttura e della qualità dei servizi che PostePay sta ricercando sia nel core business dei pagamenti che in quello della telefonia e, in futuro, anche nel business dell’energia in cui Poste Italiane entrerà.

Per conoscere le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

Quanto ai vantaggi della migrazione su rete Vodafone, secondo Siracusano l’accordo all’ingrosso con l’operatore rappresenta una scelta strategica che “migliorerà essenzialmente la qualità dei servizi di rete” senza alcun disagio per i clienti.

Si ricorda che per via della dismissione del 3G effettuata nei mesi scorsi da Vodafone per destinare maggiori risorse al 4G, i clienti PosteMobile non avranno più accesso a questa tecnologia di rete.

Nel corso dell’intervento è stato ribadito che i già clienti vengono semplicemente migrati alla rete Vodafone in automatico, mentre i nuovi clienti attiveranno la loro SIM direttamente sulla nuova rete.

I già clienti non devono quindi cambiare la SIM perché PosteMobile è un operatore virtuale di tipo Full MVNO, e i clienti PosteMobile ESP erano comunque rimasti sotto rete Vodafone.

Marco Siracusano ha inoltre evidenziato l’impegno dell’azienda sulla fibra ottica con PosteCasa Ultraveloce, che permette a Poste Italiane di accelerare un percorso di inclusione digitale compiuto con i pagamenti digitali, con l’alfabetizzazione sui sistemi di pagamento e adesso anche tramite la fibra.

Secondo Siracusano, PosteCasa Ultraveloce rappresenta infatti un altro tassello del contributo di Poste Italiane per la riduzione del digital divide in Italia”.

Per il futuro, l’idea dell’AD di PostePay è che si possa continuare a puntare sulle due infrastrutture portanti emerse dalla pandemia di Covid-19, ovvero pagamenti e connettività, per garantirne un impiego più massivo e sfruttare l’acceleratore fornito anche dalle difficoltà vissute durante la pandemia.

 

Per ricevere notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button