LexFoniaServizi

Blocco Servizi VAS: il TAR rigetta il ricorso di Digitapp e fissa la data di discussione

In seguito al blocco dei servizi VAS avviato da parte dell’AGCOM con la sua ultima delibera dopo la consultazione pubblica con operatori e associazioni, l’azienda Digitapp ha fatto ricorso contro l’Autorità per chiedere l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia, della delibera in questione.

La delibera AGCOM, la numero 10/21/CONS del 14 Gennaio 2021, pubblicata il 5 Febbraio 2021, prevede l’introduzione obbligatoria del blocco automatico dei servizi a sovrapprezzo sulle SIM, rimovibile solo tramite espressa richiesta del cliente, che opera di default su tutte le nuove SIM e che risulta invece implementato automaticamente dopo 30 giorni dalla ricezione di un SMS informativo per i già clienti, qualora non venga comunicata una diversa volontà all’operatore.

Alcuni servizi a sovrapprezzo sono però esclusi dal blocco, anche in ragione della loro utilità sociale o per via della piena sicurezza della procedura di acquisto.

Come prova del consenso, inoltre, è stato previsto l’impiego di una procedura di attivazione tramite inserimento di una One Time Password (OTP) di almeno 5 cifre, composta manualmente dal cliente per confermare la sua volontà.

Infine, l’AGCOM ha previsto sanzioni da 58.000 a 580.000 euro in caso di violazione delle disposizioni, prevedendo l’adeguamento degli operatori entro 45 giorni dalla data di pubblicazione della delibera per quanto concerne il barring e 120 giorni per l’attivazione tramite OTP.

Per conoscere le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

servizi vas

L’azienda Digitapp è una mobile media company che offre diversi servizi e contenuti digitali, applicazioni o servizi interattivi che rientrano nella categoria dei servizi a sovrapprezzo (VAS) disciplinati dalla nuova delibera.

Con tale termine, si indicano tutti quei servizi a pagamento offerti da terze parti tramite SMS e connessione dati, che offrono ad esempio oroscopi, giochi, video e musica in streaming, notizie, previsioni meteo, suonerie o altri servizi tramite acquisto una tantum o con un abbonamento periodico.

Digitapp S.r.l. ha fatto ricorso proprio contro l’AGCOM per l’annullamento della delibera, previa sospensione dell’efficacia e previa adozione delle misure cautelari.

Il TAR ha intanto pronunciato il suo decreto respingendo la domanda di tutela cautelare monocratica proposta con il ricorso di Digitapp.

La vicenda sarà invece trattata nel merito in camera di consiglio il giorno 17 Marzo 2021, come stabilito dal TAR Lazio.

 

Vuoi ricevere notizie e consigli utili in tempo reale sul mondo della telefonia? Iscriviti gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Segui MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

MondoMobile.News

Back to top button