Economia e Finanzailiad

Risultati Iliad Italia: raggiunti 6,840 milioni di clienti e oltre 5000 antenne già attive

Iliad ha rilasciato oggi 17 Novembre 2020 i risultati finanziari aggiornati al terzo trimestre dell’anno, che per il mercato italiano testimoniano ancora la crescita della base clienti.

In Francia, il Gruppo Iliad ha continuato a correre sul fisso, raggiungendo il primo posto nel mercato in termini di nuovi abbonati, secondo stime interne. In Italia, invece continua il roll-out della rete proprietaria e la crescita della customer base.

Analizzando esclusivamente il mercato italiano, Iliad Italia mostra ricavi totali per 171 milioni di euro, in aumento del +56,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso grazie alla crescita della base clienti.

Nel terzo trimestre del 2020, Iliad ha sviluppato circa 770 siti mobili e al 31 Ottobre 2020, secondo quanto riportato, l’operatore ha già raggiunto l’obiettivo annuale di copertura di 5000 siti attivi in Italia. I siti totali (in questo caso al 30 Settembre 2020) sono invece circa 6640.

Passando invece ai clienti totali attivi in Italia, al 30 Settembre 2020 questi erano 6,840 milioni, in crescita di 580.000 unità solo a livello trimestrale. Il nuovo valore rappresenta quasi il 9% della customer base complessiva del mercato italiano. Il risultato è stato ottenuto anche grazie alla rete distributiva dell’operatore, che dispone attualmente di 17 Iliad Store e oltre 450 Iliad Corner per un totale di circa 1200 Simbox in tutta Italia, a cui si aggiungono i più recenti Iliad Point.

Infine, Iliad Italia ha anche confermato che procedono le attività per giungere anche nel segmento fisso entro l’estate del 2021.

Per conoscere tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

Iliad SIMBOX Tour

Nell’evidenziare l’andamento della base clienti in Italia, il Gruppo Iliad ha sottolineato come il contesto sia rimasto particolarmente competitivo, soprattutto a causa di un più basso churn rate (vale a dire il tasso di abbandono) nel mobile, che ha limitato le portabilità durante il primo lockdown.

Thomas Reynaud, CEO del Gruppo Iliad, ha così commentato l’andamento del Gruppo, citando anche il mercato italiano:

“Nonostante la crisi causata dal Coronavirus e il complesso contesto operativo che ha originato, Iliad è rimasta in carreggiata, mostrando forza e solidarietà e affermando i suoi pilastri: innovazione, con il lancio di Freebox Pop e dell’App Free-Ligue 1 Uber Eats; ottimi risultati commerciali in Francia e Italia; un rapido rollout della rete; e crescita, con l’acquisizione di Play. Il Gruppo Iliad continua inoltre a essere un datore di lavoro dinamico, con la creazione di oltre 400 nuovi posti di lavoro in Francia dall’inizio del 2020. Lo scopo per cui lavoriamo insieme non è mai stato così importante: connettività per tutti!”

Per l’Italia, Iliad ha ricordato gli obiettivi di breve e lungo periodo sul fronte della copertura, dei ricavi e della base clienti.

In primo luogo, dopo il raggiungimento dell’obiettivo annuale sulle 5000 antenne attive, per il 2020 si attendono perdite in termini di EBITDA più basse rispetto al 2019. Inoltre, resta fissato il break-even dell’EBITDA con una quota di mercato inferiore al 10%.

Sul fronte dei ricavi, nel lungo periodo (non è stata ancora fornita una finestra temporale più precisa) Iliad ritiene che sia possibile generare ricavi per 1,5 miliardi di euro in Italia, mentre per il 2024 resta valido il piano di copertura che dovrebbe portare Iliad Italia a disporre di una quota compresa tra i 10.000 e i 12.000 siti proprietari.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button