Telefonia FissaLavoroiliad

Iliad nel segmento fisso: nuove posizioni lavorative per il customer service in attesa del lancio

Continuano i lavori di Iliad per preparare il suo ingresso nel mercato di rete fissa, che come ribadito dovrebbe avvenire l’anno prossimo, probabilmente anche già nei primi giorni. Iliad ha adesso aggiunto nuove posizioni lavorative per il segmento fisso.

I due nuovi ruoli ricercati sul sito ufficiale sono entrambi per la sede di Milano, nelle aree di supporto ai clienti.

Nel dettaglio, la prima posizione lavorativa è quella di un Provisioning & Assurance Senior Specialist, a diretto riporto del P&A Manager nel team di customer care per i futuri clienti di rete fissa.

La risorsa, che dovrà dunque occuparsi di monitorare il processo di attivazione dei clienti di rete fissa garantendo la migliore customer experience, dovrà gestire gli ordini degli operatori wholesale fino al completamento e dovrà monitorare il processo di provisioning E2E.

Tra le mansioni rientrano anche il monitoraggio degli allarmi sugli apparati di rete, il monitoraggio KPI/SLA, il monitoraggio del processo di customer experience e l’eventuale apertura di trouble ticket verso operatori wholesale o verso gruppi interni.

Per la candidatura, che può essere inviata direttamente dal sito tramite registrazione completando un apposito form, si richiede una laurea in ingegneria o telecomunicazioni o esperienza simile nel settore.

Iliad ricorda che è fondamentale una conoscenza approfondita delle reti e dei servizi di telecomunicazione sulle varie tecnologie di reti fisse e dei processi OLO2OLO, NP e di migrazione.

Inoltre, occorre conoscere i protocolli IP e delle reti, i protocolli VoIP e i processi di Call Routing e le procedure del Customer Care. A livello di esperienza pregressa, si richiedono almeno 7 anni nel settore delle telecomunicazioni, preferibilmente presso un provider telco nell’ambito dell’assistenza tecnica ai clienti.

Infine, occorre conoscere gli strumenti e le procedure di toubleshooting per i clienti di rete fissa e avere capacità di problem solving e forte attitudine al lavoro in team. Come di consueto nel caso di Iliad, occorre un’ottima conoscenza dell’inglese, mentre il francese sarà considerata solo un plus.

Per conoscere tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

Il secondo ruolo richiesto è quello di un Fixed Network Solution Expert, che opera anche in questo caso come riporto diretto del Provisioning & Assurance Manager. La risorsa ricercata sarà responsabile della definizione dei processi di P&A per i clienti di rete fissa e supporterà tutta l’implementazione degli strumenti di Provisioning e Assurance, definendone i requisiti tecnici specifici.

In questo caso, le principali attività saranno l’analisi dei requisiti tecnici per strumenti a supporto delle attività di P&A insieme al team di Sviluppo, la definizione delle procedure di customer care in ambito P&A e la definizione dei nuovi processi insieme ad altri team, come quelli di Customer Care, Marketing e Network.

Infine, la risorsa si occuperà di analisi dei dati, di monitoraggio KPI/SLA e di monitoraggio di customer experience (esattamente come la figura precedente).

Anche in questo caso, è necessaria la laurea in ingegneria o telecomunicazioni o esperienza nel settore, sempre pari ad almeno 7 anni, preferibilmente nell’assistenza tecnica ai clienti. In questo caso, è esplicitamente richiesta esperienza obbligatoria presso un operatore di telecomunicazioni su rete fissa.

Ottime capacità di comunicazione e presentazione e una conoscenza dei software per scopi P&A e del processo OLO2OLO, NP e di migrazione completano il ritratto della figura ricercata. Anche in questo caso, infine, è necessario disporre di un’ottima conoscenza dell’inglese, mentre il francese è considerato un plus.

Iliad matrioska Giga 40 50

Come accennato in apertura, Thomas Reynaud ha recentemente preso parte a un’intervista televisiva affermando che la Freebox di Iliad dovrebbe “attraversare le Alpi” e raggiungere l’Italia nei primi giorni del 2021.

Dunque, secondo quanto emerso il lancio potrebbe avvenire anche prima rispetto alle tempistiche ufficiali che definiscono il lancio nel fisso entro l’estate del 2021, ben prima rispetto ai target originari del piano Odissea 2024.

Si ricorda che Iliad Italia utilizzerà la rete in Fibra FTTH di Open Fiber fino a 1 Gbps, con l’accordo ufficializzato lo scorso 7 Luglio 2020, dopo che l’operatore aveva ottenuto qualche mese prima l’autorizzazione generale da parte del MISE per diventare anche operatore di rete fissa.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button