Reti 5G

5G in Italia: inizia la liberazione delle frequenze televisive a 700 MHz nelle prime aree

Il MiSE ha iniziato a liberare alcune frequenze in banda 700 MHz per accompagnare il processo di trasformazione verso la TV 4.0. Come noto, la liberazione delle frequenze interessa direttamente anche lo sviluppo del 5G in Italia.

Le frequenze televisive a 700 MHz andranno infatti rilasciate a vantaggio degli operatori di telefonia mobile che ne hanno acquisito i diritti d’uso al termine dell’Asta per il 5G dell’anno scorso.

Nello specifico, gli operatori che hanno ottenuto tali frequenze sono stati Vodafone, TIM e Iliad e le stesse saranno utilizzabili per il 5G solo a partire dal 1° Luglio 2020.

Adesso, il MISE ha reso noto di aver avviato la prima fase di sostituzione delle frequenze che è compresa tra il 13 Gennaio e il 30 Maggio 2020 e che interesserà le province delle regioni Sardegna, Liguria, Toscana e Lazio appartenenti all’area ristretta A

5G 700 MHz

Nello specifico, si avvierà la sostituzione dei programmi del digitale terrestre attualmente diffusi sui CH 50 – 53 verso diverse frequenze di trasmissione secondo il seguente piano:

  • Dal 13 Gennaio al 30 Gennaio 2020 verranno sostituite le frequenze nelle province di Oristano e Sassari in Sardegna;
  • Dal 3 Febbraio all’8 Maggio 2020 verranno sostituite le frequenze nelle province di Imperia, Savona, Genova e La Spezia in Liguria;
  • Dal 20 Aprile al 30 Maggio 2020 saranno sostituite le frequenze nelle province di Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno e Grosseto in Toscana;
  • Dal 4 Maggio al 30 Maggio 2020 sarà il turno delle province di Viterbo, Roma e Latina nel Lazio.

Il piano sopra elencato segue esattamente quanto previsto dalla Determina direttoriale del 28 Novembre 2019, con cui il MiSE ha stabilito le diverse date delle operazioni di spegnimento per l’area ristretta A che comprende proprio le regioni sopra elencate.

La seconda fase per lo spegnimento dei CH 51 e CH 53 si terrà invece nel mese di Maggio 2020, con alcune province con spegnimento obbligatorio (quelle sopra elencate) e altre con spegnimento facoltativo, ovvero Cagliari, Nuoro, Sud Sardegna, Arezzo, Firenze, Pisa, Pistoia, Prato, Siena, Frosinone e Rieti.

Stefano Patuanelli, Ministro dello Sviluppo Economico

Si ricorda che la banda di frequenza a 700 MHz riveste un’importanza fondamentale per il 5G poiché permette di attraversare meglio gli ostacoli, portando la connettività all’interno degli edifici con maggiore facilità. Si tratta di una banda simile per certi versi alla 800 MHz già utilizzata per le reti 4G, che si rende necessaria nella nuova tecnologia di quinta generazione per le sue caratteristiche assenti nelle altre bande acquisite dagli operatori, che la rendono dunque una risorsa complementare alle altre frequenze per lo sviluppo della rete.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Tag

Continua a leggere

Back to top button
Close