VideoSocialeTim

Fondazione TIM lancia la piattaforma TRIS.2 per la gestione di classi ibride inclusive

Fondazione TIM, CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e ANP (Associazione nazionale dei dirigenti pubblici e delle alte professionalità della scuola) hanno presentato oggi TRIS.2, la prima piattaforma I-MOOC (Interactive Massive Online Open Course) per la formazione online degli insegnanti alla gestione di una classe ibrida inclusiva.

Lo afferma TIM in un suo comunicato stampa di oggi, 30 Settembre 2019, dichiarando che il suddetto portale mette a disposizione di tutti i docenti italiani un metodo per dare la possibilità, agli studenti che non possono recarsi fisicamente a scuola per gravi problemi di salute invalidanti, ma non coperte dal servizio di Istruzione Domiciliare, di frequentare regolarmente le lezioni.

La sperimentazione del metodo TRIS (Tecnologie di Rete e Inclusione Socio-educativa) ha coinvolto 4 studenti homebound, 10 classi, con oltre 150 alunni e 112 docenti, creando una nuova forma di partecipazione scolastica basata su metodi di didattica innovativa che prevedono un uso regolare delle risorse cloud insieme all’utilizzo di tecnologie e strumenti hardware e software (pc con videocamera, smartphone, linea internet) ampiamente diffusi, sia a scuola che a casa, per inserire l’alunno a distanza nel gruppo della classe.

L’I-MOOC TRIS.2, testato da 60 docenti scelti tra gli oltre 700 che hanno risposto al bando aperto per la sperimentazione, è una piattaforma aperta e gratuita che da oggi, 30 Settembre 2019, è accessibile a tutti gli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado, i quali potranno fruire di un corso interattivo, certificato con rilascio crediti e corredato di tutoring da parte dei ricercatori del CNR-ITD.

Sul piano tecno-metodologico, l’I-MOOC di TRIS.2 si basa su un’architettura innovativa di CMS (Course Management System) multipiattaforma che tra circa un anno sarà caratterizzato anche da un agente automatico di risposta (Chatbot), il quale, acquisendo e processando tutte le domande sollevate in questo primo anno di avvio, consentirà l’erogazione del corso con il tutoring di una intelligenza artificiale.

La classe ibrida suggerita dal modello TRIS poggia su tre assi portanti: l’asse tecnologico, che fonde gli spazi fisici scolastici e domiciliari; l’asse metodologico-didattico, centrato su approcci pedagogici attivi e partecipativi; l’asse organizzativo, per la gestione complessiva della classe ibrida. Ecco un video, pubblicato sui canale Youtube della Fondazione TIM, che spiega il suo funzionamento.

In data odierna, inoltre, è stato firmato un accordo tra Fondazione TIM ed il MIUR con quest’ultimo che offrirà sostegno, nel suo ruolo istituzionale, per monitorare l’andamento dei risultati del progetto TRIS, favorire la collaborazione delle scuole per la realizzazione del censimento dei casi target in forma anonima e diffondendo, allo stesso tempo, il modello derivante dal progetto TRIS come possibile soluzione per gli studenti impossibilitati a frequentare la scuola per motivi di salute.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Tag

Articoli Correlati

Back to top button
Close