Come funziona il call center 800442299? Ecco alcuni dettagli a riguardo


Durante l’utilizzo dello smartphone capita spesso di attivare inconsapevolmente dei servizi aggiuntivi a pagamento in realtà non desiderati. Esistono varie modalità di disattivazione di questi servizi, variabili in base all’operatore e alla società fornitrice, ma in particolare da qualche tempo è stato implementato anche un Call Center Unico, rintracciabile digitando la numerazione gratuita 800442299, adibito a questa funzione. Di seguito si esplica il suo funzionamento.

Si tratta di una particolare misura introdotta circa un annetto fa dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM), al fine di limitare il problema dell’attivazione dei servizi premium (VAS), senza alcun consenso esplicito dell’utente durante la navigazione web.

Il numero verde di Customer Care, 800442299, attivo 24 ore al giorno per 7 giorni alla settimana, offre al consumatore la possibilità di verificare, mediante una voce guida, il tipo e il numero di servizi premium addebitati. Il tutto avviene in tempo reale e con la possibilità di procedere immediatamente alla disattivazione.

Nello specifico, il funzionamento del numero verde 800442299 è il seguente: basta chiamare la numerazione gratuita sopra indicata per accedere al cosiddetto “Centro Unico di Disattivazione“, dove, dopo aver avvisato dell’eventuale registrazione della telefonata e rassicurato il consumatore sul trattamento dei dati personali (che avviene sempre nel pieno rispetto della privacy), la voce guida effettua una verifica dei servizi premium attivi sul numero chiamante, cosi da fornire, qualche istante dopo, la risposta relativa alla presenza o meno di servizi a sovrapprezzo attivi sulla numerazione in questione.

   

Infine, consiglia di contattare il customer care del proprio operatore telefonico per la gestione di eventuali richieste relative ad altri servizi.

In merito a questa sorta di sperimentazione è importante ricordare che, in aggiunta al numero verde 800442299, era anche stata attivata un’apposita mail, sperimentazioneVAS@agcom.it, alla quale segnalare eventuali criticità osservate dagli utenti nell’utilizzo delle procedure di acquisto proposte dagli operatori e dai content service providers.

Ma cosa sono i servizi Premium? Conosciuti anche con il nome di servizi a sovrapprezzoa valore aggiunto o “VAS”, si tratta dell’insieme delle prestazioni fornite sopratutto da provider esterni al proprio operatore di telefonia mobile, mediante SMS, MMS o connessione dati, che possono essere attivati, ricevuti o fruiti su TelefoninoTablet o PC.

Questi comportano il pagamento quotidiano, settimanale, mensile o a singolo messaggio-contenuto (a seconda della tipologia di servizio attivato), di somme aggiuntive rispetto al canone mensile dell’offerta principale sottoscritta. 

In genere si tratta di loghisuonerieoroscopimeteonewsvideosfondi e non solo, che inizialmente si attivavano solo rispondendo ad alcuni messaggi e che adesso si attivano facilmente cliccando per errore in qualche banner pubblicitario o in automatico visitando siti non sicuri.

Inoltre, proprio per tutelare ulteriormente i consumatori nei confronti dei servizi a sovrapprezzo, con la delibera n. 108/19/CONS dello scorso 12 Aprile 2019, l’AGCOM ha sancito l’approvazione del nuovo Codice di Condotta per l’offerta dei Servizi Premium, giunto alla quarta versione, denominata CASP 4.0.

Il nuovo regolamento ha introdotto nuove importanti misure tra le quali si evidenziano, il consolidamento dell’istituzione del Comitato VAS, il miglioramento del design delle pagine di attivazione e la possibilità di richiedere la restituzione degli importi non dovuti tramite Call Center Unico.

Il rimborso non viene erogato nei casi in cui l’attivazione del servizio premium è considerata consapevole, cioè quando sussistono i log di acquisto o attivazione, il doppio click del cliente sui tasti “Clicca e conferma” e “Clicca e Abbonati” e l’invio dell’SMS informativo di attivazione/acquisto (cosiddetto Welcome SMS), per i servizi in abbonamento o acquisti one shot. In tutti gli altri casi, la richiesta di rimborso è invece considerata legittima.

Proprio in merito alla recente introduzione di questo CASP 4.0, si è espresso l’attuale Commissario AGCOM Antonio Martusciello, affermando che l’obiettivo del nuovo Codice di Autoregolamentazione per l’offerta di servizi premium, è tutelare consumatori e aziende, garantendo uno sviluppo corretto del business dei Servizi Premium che possa permettere di mantenere uno stato di concorrenza leale, basata su principi di correttezza e trasparenza.

Per informazioni più dettagliate in merito alle altre misure introdotte dal nuovo regolamento, si consiglia la lettura dell’approfondimento dedicato.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.