Wi-Fi Italia: come funziona il progetto degli hotspot gratuiti che ha superato 1000 convenzioni


Negli ultimi giorni di Febbraio 2019 è stato lanciato il progetto Piazza Wi-Fi Italia, volto a offrire ai cittadini una connessione semplice e gratuita nel territorio nazionale. Oltre 1000 comuni hanno aderito al progetto e Infratel Italia gestirà un webinar per fornire tutte le informazioni sulla realizzazione delle convenzioni.

Piazza Wi-Fi Italia permette infatti ai comuni di effettuare una richiesta di punti wi-fi online, completando la registrazione in una piattaforma dedicata. 

Con uno stanziamento complessivo di 45 milioni di euro, il progetto ha lo scopo di portare il wifi gratuito nei comuni italiani, con priorità per quelli caratterizzati da una popolazione inferiore ai 2000 abitanti.

I lavori per lo sviluppo della rete gratuita sono stati affidati a Infratel Italia, che ha iniziato a connettere i primi comuni: Torricella Sicura, in provincia di Teramo, ha costituito il primo esempio simbolico di un progetto che ha intenzione di coinvolgere anche tutti i 138 comuni colpiti dal sisma del 2016, attraverso un’iniziativa a parte.

   

Con una nota stampa del 5 Marzo 2019, inoltre, il Ministero dello Sviluppo Economico ha comunicato che il Comune di Gamberale, in Provincia di Chieti, è stato il millesimo comune italiano che ha aderito al progetto, in appena una settimana.

Come il MISE ha sempre ribadito, Il funzionamento per gli utenti sarà agevole e immediato. Nello specifico, il cittadino sarà tenuto a creare un account per accedere al servizio. Dopo aver completato una registrazione basata su tre fasi, attraverso l’App già disponibile, si potrà configurare la rete wifi.italia.it e trovare un eventuale hotspot vicino alla posizione del dispositivo mobile dell’utente. In prossimità della rete disponibile, sarà possibile connettersi senza la necessità di successive autenticazioni.

Come sopra accennato, Infratel Italia sta promuovendo l’attivazione di punti Piazza WiFi Italia, supportando i comuni attraverso un webinar organizzato da ANCI (l’associazione nazionale dei comuni italiani) con lo scopo di fornire tutti i riferimenti e le informazioni operative utili per la realizzazione degli interventi nei territori.

I comuni interessati potranno partecipare al webinair del 12 Marzo 2019, dalle ore 12 alle ore 13:30, iscrivendosi sul sito della fondazione IFEL dell’ANCI. Tra i relatori del webinar, Salvatore Lombardo, Direttore Generale di Infratel Italia.

Il materiale trattato resterà comunque a disposizione dei comuni al termine del seminario, per guidarli nella richiesta della convenzione.

Nello specifico, guardando ai passi necessari per stipulare la convenzione, si segnala che per i comuni colpiti dal sisma non è necessaria la registrazione, in quanto, come anticipato, è stato ideato un progetto apposito. Per gli altri comuni, invece, la realizzazione dei punti WiFi, la loro configurazione, la gestione e la manutenzione per 3 anni saranno a carico di Infratel Italia, mentre i comuni dovranno fornire l’alimentazione elettrica e la connettività internet per i punti Wi-Fi.

In basso, i comuni che fino ad ora hanno deciso di prendere parte al progetto.

Wi-Fi Italia

Una mappa dei comuni che hanno, ad oggi, preso parte a Piazza Wi-Fi Italia.

Chi deciderà di prendere parte al progetto dovrà individuare delle aree di interesse, mentre il numero di access points verrà stabilito in base alla popolazione del comune. La connettività tipica è di 30MB, con una banda garantita di 1MB per ogni Spot.

Dopo la richiesta e la sottoscrizione della convenzione da parte del Dirigente o di una persona delegata dal Sindaco, il Comune sarà contattato dal personale tecnico di Infratel per effettuare i primi sopralluoghi.

Per finire, si segnala che la partecipazione al bando WiFi4Eu non limita i comuni, che potranno richiedere la convenzione anche per WifiItalia, ma scegliendo delle aree di interesse diverse rispetto agli spot del bando europeo.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.