Rabona Mobile: ricariche telefoniche disponibili anche tramite app e sito SisalPay


A partire da oggi, 3 Dicembre 2018, sarà possibile effettuare le ricariche telefoniche per l’operatore virtuale (MVNO) Rabona Mobile anche tramite l’app e il sito internet di SisalPay.

Lo ha comunicato Rabona Mobile con una nota stampa inviata in data odierna, che informa come, a rafforzamento degli “ottimi rapporti già in essere”, è stato siglato un ulteriore accordo di partnership tra Rabona S.r.l. e Sisal S.p.a..

Con Sisal, infatti, era già possibile acquistare una ricarica telefonica Rabona Mobile in tutti i punti vendita autorizzati SisalPay. Adesso, quindi, si aggiunge la possibilità per i clienti dell’operatore virtuale di effettuare ricariche online tramite sito e app, quest’ultima disponibile sia sul Google Play Store che su Apple App Store.

Con il sito e l’app SisalPay è possibile effettuare ricariche telefoniche Rabona Mobile nei tagli da 10 euro, 20 euro e 50 euro.

   

Questo accordo segue quello siglato da un altro operatore virtuale che collabora con l’aggregatore Noverca, ossia NoiTel Mobile, che lo scorso 30 Novembre 2018 aveva annunciato l’imminente arrivo delle ricariche tramite circuito SisalPay.

Si ricorda che Rabona Mobile è un operatore ESP MVNO che opera in tutta Italia sfruttando la copertura GSM, GPRS, UMTS, HSDPA, HSUPA della rete TIM fino in 3G, collaborando con Nòverca in qualità di suo aggregatore.

Per chi non lo sapesse, l’operatore prende il nome dalla nota mossa del gioco del calcio denominata proprio Rabona, un movimento con cui il pallone viene colpito spostando il piede con cui si calcia dietro il piede di appoggio (e quindi incrociandolo con esso). Il pallone viene così colpito da un colpo secco alla base che genera un cross o un tiro morbido verso l’alto. Il termine deriva dallo spagnolo che significa coda, o meglio, rappresentando il tiro spiegato, “colpo di coda”.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.