Tiscali: nuovo metodo di pagamento disponibile con il servizio Satispay


Tiscali ha integrato da oggi, 2 Agosto 2018, il servizio Satispay come nuovo metodo di pagamento per tutti i suoi clienti nel sito ufficiale dell’operatore e nell’applicazione MyTiscali.

È quanto emerge dal comunicato ufficiale dell’operatore, che parla di un nuovo metodo di pagamento semplice e immediato per l’acquisto e la ricarica delle SIM Tiscali.

La procedura sarà molto semplice: basterà seguire lo stesso percorso di acquisto utilizzato in passato per comprare una ricarica o una SIM e successivamente selezionare Satispay tra i metodi di pagamento disponibili. Per completare l’acquisto basterà inserire il proprio numero di telefono e confermare la richiesta di pagamento, la quale verrà immediatamente notificata all’utente attraverso l’app ufficiale di Satispay.

Per battezzare il nuovo servizio, Tiscali ha deciso di regalare ai suoi nuovi e già clienti un codice promo da inserire al momento della registrazione a Satispay per ottenere un bonus del valore di 5 euro.

   
Tiscali Satispay

Un esempio di come utilizzare il nuovo servizio Satispay per i pagamenti delle proprie ricariche sul sito o sull’app di Tiscali

Il Direttore Marketing di Tiscali, Massimo Castelli, ha commentato parlando di una soluzione all’avanguardia e allo stesso tempo semplice e trasparente, un nuovo servizio per gli utenti.

Il sistema Satispay è infatti un metodo sicuro, veloce e senza costi per i clienti privati, che permette di associare l’iban di un proprio conto corrente e impostare la somma prepagata di cui si vuole disporre ogni settimana, così da controllare e monitorare le proprie spese direttamente dal proprio Smartphone, attraverso l’Applicazione dedicata. Inoltre, l’applicazione permette di inviare e ricevere denaro tra i contatti in rubrica in maniera molto veloce e immediata, come se si trattasse di un semplice SMS.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.