Vodafone: segnalati ritardi MNP in uscita per aver superato il limite giornaliero


In questi ultimi giorni, molti consumatori lamentano ritardi di portabilità in uscita da Vodafone verso altri operatori mobili. I problemi segnalati si sono presentati principalmente con portabilità da Vodafone verso Tim, KenaMobile, Wind, 3 e ho.

In queste ultime ore Tim e Kena Mobile, secondo fonti verificate, hanno comunicato alla loro forza vendita che ci sono ritardi nei passaggi delle portabilità in entrata da chi proviene da Vodafone.

Tecnicamente, la richiesta di portabilità del proprio numero (MNP) viene scartata per “waiting list“, corrispondente ad una richiesta in eccesso rispetto alla capacità giornaliera (portabilità in entrata e in uscita dell’operatore Donating).

Quando succede questo, la richiesta in automatico sarà riprocessata il giorno successivo lavorativo scegliendo una nuova data di passaggio (data Cut Over).

La prestazione di portabilità del numero mobile (MNP) consente ogni cliente mobile di mantenere il proprio numero, richiedendo che il servizio sia svolto da un differente operatore mobile.

   

In riferimento alla delibera n.147/11/CIR dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ogni operatore mobile, mette a disposizione degli altri operatori mobili una capacità di evasione giornaliera per ogni processo di portabilità del numero.

Secondo la delibera ciascun operatore mobile all’atto dell’avvio della propria attività assicura una capacità giornaliera, in qualità di donating. Ogni singolo operatore adegua la propria capacità giornaliera anche in funzione delle richieste di mercato. Ciascun operatore comunica all’AGCOM, entro il giorno 10 di ciascun mese, il numero medio giornaliero di richieste di portabilità, ricevute nei due mesi precedenti.

Nel caso in cui tale numero medio giornaliero superi un valore corrispondente all’80%, arrotondato al centinaio superiore, della capacità giornaliera messa a disposizione, entro il giorno 10 del mese solare successivo alla relativa comunicazione all’AGCOM l’operatore donante interessato è tenuto ad incrementare la propria capacità giornaliera minima di 3000 unità nel caso degli operatori mobili di rete (Tim, Vodafone Italia, Wind Tre, Iliad) e di 1000 unità nel caso degli operatori virtuali.

Chi ha avuto questo problema, dovrà aspettare qualche giorno in più prima di cambiare operatore ma potrà richiedere dopo la portabilità un indenizzo per ogni giorno lavorativo di ritardo. L’indennizzo, che dovrà essere richiesto direttamente all’operatore ricevente, prevede un minimo di 2,50 euro e fino ad un massimo di 50 euro.

Non è dovuto per ritardi non superiori a due giorni lavorativi (sono esclusi sabato, domenica e festivi) e tiene conto di tutti i giorni di ritardo compresi i primi due. Il consumatore potrà richiede l’indennizzo con modalità semplici e non onerose; è escluso in ogni caso l’obbligo per il consumatore di dover ricorrere a modalità quali lettere raccomandate o chiamate a numeri a sovrapprezzo o, comunque, a sistemi onerosi in termini di costi e di tempo.

Si ringraziano Alessandro, Davide, Eleonora, Lorenzo e Simone per le prime segnalazioni.

 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter e iscriviti gratis nel nostro canale Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale. Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze.


 




Vuoi ricevere tante informazioni e consigli utili della Telefonia Mobile? Iscriviti gratis al nostro canale ufficiale su Telegram!


Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus