Reti 5GTim

Come il 5G cambierà le nostre vite: le riflessioni di TIM sul futuro della rete

Sul sito ufficiale di TIM nella sezione IT, è comparsa un’interessante riflessione intitolata “Come il 5G cambierà le nostre vite”, che fornisce un compendio di come l’operatore italiano immagina il futuro della rete.

Come altre volte ribadito, si parla di una velocità massima in grado di raggiungere i 20 gigabits al secondo, ovvero circa 20 volte più veloce rispetto al 4G, con una latenza pari a 2 millisecondi. Secondo TIM, la rete sarà inoltre in grado di connettere contemporaneamente oltre un milione di dispositivi per chilometro quadrato, tratteggiando il concetto di internet of everthing, in cui la maggior parte degli oggetti di utilizzo quotidiano saranno connessi e contribuiranno, tutti insieme, alla digital transformation.

I settori in cui sarà possibile osservare i primi impieghi della tecnologia 5G potrebbero essere quelli delle auto autonome, dell’IoT, dei droni per le consegne e dei parcheggi smart.

In tal senso, TIM evidenzia come l’esempio delle auto a guida autonoma di cui tanto si discute negli ultimi mesi possa funzionare solo attraverso una rete 5G. Due veicoli potranno circolare per strada in tutta sicurezza, senza provocare incidenti, proprio perché la connessione, e quindi la comunicazione, tra i due sistemi sarà praticamente istantanea.

Secondo quanto esposto da TIM, la tecnologia 5G inizierà a venir diffusa a livello commerciale intorno al 2020, sebbene la sperimentazione sia già partita da tempo, anche in Itaia. Ricollegandosi a questa stima, l’operatore ha colto l’occasione per descrivere i primi scenari d’uso per le città di Bari e Matera presentati a fine Maggio 2018. Più di recente, in data 28 Giugno 2018, sono stati invece presentati alcuni nuovi servizi per il futuro digitale, sempre a Bari e a Matera.

Tra le tante applicazioni, TIM si sofferma sulla Virtual Reality presentata a Matera, in grado di offrire una visita virtuale da remoto dei luoghi più affascinanti della città, e sulla Augmented Reality implementata a Bari, utile per la manutenzione dei motori delle navi e per l’assistenza da remoto agli operai.

Per finire, guardando all’ambiente e alla salute, viene esposto il principale vantaggio del 5G nell’agricoltura, che avvierà l’era della smart agriculture, o agricoltura di precisione. Con i sensori 5G, stando a uno studio del parlamento europeo, potrebbe essere ridotto l’impiego di pesticidi dell’85%.

La riflessione si chiude con la promessa che nei prossimi anni il lavoro degli operatori delle telecomunicazioni e di tutti gli altri attori permetterà di raggiungere effettivamente le rivoluzioni fin qui esposte, che sembrano ben più vicine di quanto si possa pensare.

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button