Bari Matera 5G: TIM, Fastweb e Huawei presentano sette nuovi servizi innovativi


Tim, Fastweb e Huawei, nell’ambito della verifica svolta dal Ministero dello Sviluppo Economico sullo stato di avanzamento del Progetto “Bari Matera 5G”, oggi 28 Giugno 2018, tramite comunicato, hanno annunciato il lancio di sette nuovi servizi basati sulla rete mobile di quinta generazione.

Dopo gli scenari d’uso presentati lo scorso 25 Maggio 2018 riguardanti i settori turismo e Industria 4.0, adesso vengono aggiunti altri servizi quali: sanità 5.0, smart city, media, smart port e sicurezza pubblica.

Nell’ambito sanità 5.0 sono state proposte due soluzioni denominate “Diagnosi remota e monitoraggio dei parametri vitali e delle condizioni dei pazienti” e “Wearable per rilevamento dello stress psicofisico”.

   

La prima è una soluzione di telemedicina per l’assistenza domiciliare e il monitoraggio dei pazienti sviluppata con l’UOC di Ematologia e Terapia Cellulare dell’IRCCS “Giovanni Paolo II” di Bari, ed ha come obiettivo assistere i pazienti direttamente nel loro domicilio, mediante la fornitura al paziente di device all’avanguardia e l’utilizzo di un laboratorio mobile connesso 5G per l’esecuzione di esami che necessitano l’intervento di personale medico. Tutto ciò ha come scopo il miglioramento della qualità della vita dei pazienti evitando la degenza e garantendo efficienza e tempestività di intervento.

La seconda soluzione, sviluppata con NTT DATA, è invece studiata per il monitoraggio dello stato di salute degli autisti di mezzi pubblici; mediante l’uso della t-shirt hitoe, creata con tessuto intelligente e in grado di raccogliere dati sullo stato di salute della persona, sarà possibile monitorare in tempo reale alcuni parametri vitali, segnalando il livello di stress, e di rilevare la postura della persona. Questo con lo scopo di garantire la sicurezza del lavoratore e delle persone a lui affidate.

Per il settore turismo e cultura la soluzione, sviluppata da Graffiti for Smart City, è denominata “Graffiti for Smart city, realtà aumentata e varchi intelligenti” ed ha come obiettivo la riqualificazione degli spazi urbani in disuso, trasformandoli in nuove piazze e luoghi d’incontro per gli abitanti e per attrarre nuovi visitatori, attraverso l’installazione di smartwalls dotati di sensori di prossimità.

Gli smartwalls si collegheranno agli smartphone nelle vicinanze informando l’utente, tramite notifica, di attrazioni nei dintorni o servizi personalizzati, come l’applicativo che consentirà di creare opere d’arte sotto forma di graffito digitale da condividere con le altre persone.

Per l’ambito smartcity la soluzione è denominata Smart Lighting: nuovi sistemi di illuminazione per la “Città Intelligente”. Soluzione studiata dal Consorzio con Olivetti che consiste in un sistema di illuminazione che permette, mediante l’utilizzo di una piattaforma hardware e software, di minimizzare i costi dei consumi e della manutenzione degli apparati, e ridurre sensibilmente l’impatto ambientale.

Per il settore Media education e realtà virtuale lo scenario d’uso, sviluppato in collaborazione con Rai Way, è denominato “Servizi di contribuzione news in 5G”. La soluzione dimostra che, mediante l’uso della rete 5G, è possibile la fruizione di contenuti audiovisivi dal vivo ad alta risoluzione e a bassa latenza. Il giornalista inviato sul luogo di interesse potrà disporre di un collegamento altamente affidabile, e quindi trasmettere il proprio contributo live in alta definizione alla regia del TG e comunicare in maniera ”fluida” con il collega in studio.

Per l’ambito Smart Port e Public Safety la soluzione è denominata “Sicurezza e controllo degli accessi nell’area portuale di Bari”. Il servizio è stato realizzato dal Consorzio Bari-Matera 5G con la collaborazione di Leonardo per le componenti di sicurezza e la piattaforma di comando e controllo, Bosch per le videocamere e con il supporto dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale e degli enti addetti alla sicurezza del porto (Capitaneria di Porto, Guardia di Finanza e Polizia di Stato).

La soluzione permetterà tramite l’interconnessione delle infrastrutture portuali e di numerosi dispositivi tra cui sensori, videocamere, wearable, terminali, droni e gate trasportabili, con una piattaforma centralizzata di comando e controllo per la sicurezza e il controllo accessi, l’incremento della sicurezza dell’area portuale, aumentandone ulteriormente l’attrattività turistica e commerciale.

Per il settore Public Safety lo scenario d’uso, sviluppato dal Consorzio Bari-Matera 5G per la videosorveglianza in mobilità, è denominato “5G e Wearable devices”. Il servizio, evoluzione del servizio Public Safety già oggi impiegato dalle principali Questure Italiane, permetterà di raccogliere in tempo reale i flussi video provenienti da diverse sorgenti dislocate a terra (smartphone, encoder, videocamere, action-cam), mare (encoder su imbarcazioni) ed aria (encoder e smartphone su elicotteri ed encoder/payload su droni).

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.