Firmato l’accordo definitivo tra Sky e Openfiber: addio alla parabola e largo alla fibra ottica


Nel mese di Dicembre del 2017, avevamo raccontato della possibile partnership tra Sky e Open Fiber per sostituire la parabola con la fibra ottica. Oggi, è stato firmato l’accordo definitivo che suggella l’alleanza e manda definitivamente in pensione la vecchia parabola.

Sky, il colosso di Robert Murdoch, aveva già meditato il passaggio alla fibra anni fa, dopo un’attenta valutazione circa i costi e la stabilità del servizio. Fino a oggi, tuttavia, Sky si trovava in una situazione di inferiorità tecnologica rispetto ad altri servizi come Netflix, ed era seriamente minacciata dall’asse Vivendi-Tim-Mediaset.

Come avevamo già scritto, una partnership di questo tipo avrebbe permesso a Sky di effettuare una migrazione totale, offrendo i suoi pacchetti in tutte le città servite da Open Fiber, che ha intenzione di coprire 10 milioni di utenti italiani in soli cinque anni.

Come riporta il sito Reuters, oggi  Sky e Open Fiber hanno firmato l’accordo per l’uso della rete in fibra.

A riferirlo è una fonte autorevole a conoscenza del dossier, la quale informa che l’accordo è stato già firmato e la notizia sarà resa pubblica a breve.

Così facendo, Sky potrà adeguare il servizio offerto in Italia al modello già attuato da tempo in Gran Bretagna, in cui i contenuti di pay-tv e quelli satellitari sono offerti via cavo, insieme alle connessioni in ultra broadband e ai servizi telefonici.

Infatti, la società potrà abbinare i propri pacchetti alle offerte Vodafone TV, TimVision e Fastweb, o anche più semplicemente operare in maniera disgiunta, senza contratto telefonico, con vantaggi enormi rispetto all’ormai obsoleta parabola.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.