Tim: il Fondo Elliott acquista quote significative e sfida Vivendi


Per Tim, l’amministrazione di Vivendi sembra stia attraversando un periodo poco felice. Il Fondo Elliott Management, dell’imprenditore americano Paul Singer, sta accumulando in queste settimane un consistente numero di quote della società di telecomunicazioni.

Apparentemente, questa corsa sembra voler ostacolare il dominio indiscusso del gruppo Vivendi, e più nello specifico le modalità attraverso le quali la società è guidata al momento.

Un articolo de Il Sole 24 Ore, sezione Finanza e Mercati, fa notare, come anche sostenuto dall’agenzia Bloomberg, che il Fondo Elliott potrebbe valutare l’ipotesi di proporre alcuni suoi consiglieri per il board di Telecom, così da respingere, o quantomeno mitigare, le radicali decisioni prese dal colosso Vivendi.

   

L’idea di spingere la direzione aziendale verso altre traiettorie, probabilmente più efficienti, potrebbe quindi motivare questa repentina corsa alle quote di Telecom Italia, il cui impatto è stato tutt’altro che discreto. Difatti, nonostante quelle fin qui espresse siano esclusivamente indiscrezioni supportate da fonti dell’agenzia Bloomberg, il riflesso dell’operazione sul mercato azionario inizia già a palesarsi: all’apertura delle contrattazioni, Tim ha registrato un clamoroso balzo del 6%. Si tratta di un segnale forte, che non è stato ancora commentato dai portavoce delle società, ma che potrebbe far riflettere circa il serio interesse degli azionisti per il futuro dell’azienda.

Sempre stando alle indiscrezioni riportate, il Fondo Elliott sarebbe preoccupato per via del calo delle azioni di Telecom Italia, e, conseguentemente, della sua performance finanziaria, da quando il gruppo Vivendi ha preso il controllo del consiglio di amministrazione.

La situazione che si prospetta è quindi molto delicata, soprattutto considerando che in data 24 Aprile 2018 è fissata l’assemblea annuale di Telecom Italia, occasione in cui potrebbero venire presentati alcuni nuovi candidati.

La manovra del Fondo Elliott non è nuova agli esperti del settore: con i suoi enormi capitali, esso è uno degli azionisti più attivi nel mercato, e ha avanzato proposte volte a un cambiamento radicale della gestione aziendale in oltre 25 società partecipate, tra cui BHP Billiton e NXP Semiconductors.

 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter e iscriviti gratis nel nostro canale Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale. Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze.


 



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus