iliadLexFoniaReti e Frequenze

Iliad, trasparenza tecnica per le offerte mobile: cosa viene riportato nei documenti

Da alcuni mesi, sul sito di Iliad Italia è possibile consultare i nuovi documenti di trasparenza tecnica, in cui sono riportate alcune caratteristiche delle offerte di rete mobile, sia in commercio che non più attivabili, fra cui le velocità massime stimata, l’eventuale presenza di limitazioni al traffico internet e l’eventuale disponibilità del servizio VoLTE.

Dall’inizio del mese di Settembre 2023, infatti, Iliad ha aggiunto sul suo sito web la nuova sezione di trasparenza tecnica, con cui si è adeguata alla delibera AGCOM 23/23/CONS, annunciata dall’Autorità il 13 Febbraio 2023 dopo l’approvazione dell’8 Febbraio 2023.

Come già raccontato da MondoMobileWeb, con questa delibera, pubblicata sul sito dell’Autorità il 28 Febbraio 2023, l’AGCOM ha approvato il Testo unico di revisione e semplificazione degli indicatori di qualità (Key Performance Indicators, o KPIs) del servizio mobile, riallineando la regolamentazione alle nuove tecnologie, fra cui il 5G, nonché al nuovo Codice delle comunicazioni elettroniche.

Cosa prevede la normativa

Come stabilito in particolare dall’Articolo 4 della delibera 23/23/CONS, gli operatori di telefonia mobile devono pubblicare sul proprio sito web e rendere disponibile all’utente, prima della conclusione del contratto, un prospetto che riporti, per ciascuna offerta commerciale inclusiva di accesso a internet, le informazioni relative a copertura, a velocità massima stimata per le varie tecnologie e velocità pubblicizzata.

L’Articolo 4 (Disposizioni inerenti agli obblighi di informazione applicabili ai contratti) prevede infatti quanto segue:

1. I fornitori di servizi di comunicazioni mobili e personali accessibili al pubblico, ai fini di quanto disposto dall’articolo 98-quater decies, comma 1 del Codice, prima che il consumatore sia vincolato da un contratto o da un’offerta corrispondente, pubblicano sui propri siti web, nella misura in cui controllino alcuni elementi della rete direttamente o in virtù di un accordo sul livello dei servizi a tal fine, le informazioni relative alle prestazioni di ciascun’offerta secondo il modello di cui all’allegato 1 al presente provvedimento, se del caso mediante l’indicazione chiara del link alla pagina web dove il contenuto è disponibile.

2. Ai sensi dell’articolo 98-quater decies, comma 1 del Codice, i fornitori di servizi di accesso a internet inseriscono nelle proposte contrattuali anche le informazioni richieste, per i servizi mobili e personali, a norma dell’articolo 4, comma 1, del regolamento (UE) 2015/2120.

In particolare, come riportato nell’Allegato 1 alla delibera, devono essere riportate le informazioni relative almeno alle seguenti 9 voci:

  • Nome commerciale dell’offerta;
  • Copertura per le diverse tecnologie (il dato sulla copertura è calcolato con una risoluzione di almeno 100 metri e visualizzato con scala almeno 1:10.000 al fine di permettere la visualizzazione a livello locale. La copertura dovrà essere specificata separatamente per ciascuna tecnologia di rete. L’operatore dovrà indicare il link ad una pagina, se del caso dell’operatore ospitante, dove vengono riportate le mappe di copertura);
  • Velocità massime stimate della connessione per le diverse tecnologie (l’operatore fornisce l’indicazione, per ciascuna tecnologia di rete prevista dall’offerta in questione, delle relative velocità massime stimate, sia in download che in upload, che un utente può raggiungere);
  • Velocità pubblicizzate della connessione (le velocità, sia in download che in upload, che l’operatore utilizza nelle comunicazioni commerciali, inclusa la pubblicità e il marketing, e che dovrebbero riflettere le velocità che l’operatore è realisticamente in grado di fornire agli utenti, in condizioni di normale utilizzo, nel territorio nazionale);
  • Eventuali misure applicate in rete con impatti sulla velocità di connessione ad Internet (in caso positivo, l’operatore indica l’indirizzo web in cui sono descritti i dettagli sulle misure tecniche applicate e tutte le altre informazioni aggiornate sulla tipologia di interventi che si riserva di mettere in atto. Le limitazioni possono, in particolare, riguardare le situazioni in cui la velocità massima non è raggiungibile in situazioni di particolare carico della stazione radio base o di congestione. In tal caso, l’operatore dovrà indicare i valori di velocità di download e upload minimi realisticamente raggiungibili);
  • Disponibilità di meccanismi di QoS (l’operatore deve descrivere le tecniche adottate sulla rete per garantire specifici livelli di qualità di servizio o eventuali meccanismi di prioritizzazione del traffico. La descrizione deve indicare in maniera chiara e comprensibile gli effetti di questi meccanismi sulle velocità raggiungibili dagli utenti finali per la specifica offerta);
  • Supporto del servizio VoLTE (l’operatore specifica se per l’offerta è previsto il supporto al servizio VoLTE e riportare il link alla pagina del sito dove sono riportati i terminali compatibili e/o le caratteristiche che deve avere il terminale per poter fruire del servizio VoLTE);
  • Antivirus, firewall (specificare se sono prestazioni da acquistare eventualmente a parte);
  • Assistenza tecnica (indica il link alle pagine del sito dedicate all’assistenza tecnica dove dovranno essere riportati anche i corrispondenti numeri ed indirizzi).

Cosa viene riportato nei documenti di trasparenza tecnica di Iliad

Per quanto riguarda Iliad Italia, come detto l’operatore si è adeguato a Settembre 2023, quando il link alla pagina di trasparenza tariffaria presente nella home page è stato rinominato “trasparenza tecnica e tariffaria”.

In questo modo, all’interno della pagina di trasparenza delle offerte mobile già disponibile in precedenza è stata aggiunta la nuova sezione trasparenza tecnica, in cui sono riportati i documenti in linea con le nuove normative AGCOM delle offerte attualmente in commercio e anche di quelle non più sottoscrivibili.

Oltre al nome dell’offerta, nei documenti di trasparenza tecnica delle offerte mobile di Iliad la prima sezione è denominata copertura e velocità.

Innanzitutto, l’operatore ha inserito il link alla pagina con la mappa di copertura mobile recentemente aggiornata, come già raccontato da MondoMobileWeb, in cui è possibile visualizzare la situazione della copertura per tutte le tecnologie di rete, come richiesto dalla delibera.

Successivamente, l’operatore riporta le velocità massime stimate raggiungibili, sia in download che in upload, per le diverse tecnologie di rete mobile.

In particolare, nei documenti di trasparenza tecnica delle offerte Iliad con traffico dati fino in 4G (attualmente Giga 100, Dati 300 e Voce), sono presenti le velocità massime stimate in 2G (0,2 Mbps in download e 0,03 Mbps in upload), 3G (8 Mbps in download e 2 Mbps in upload) e 4G (240 Mbps in download e 20 Mbps in upload).

Invece, nei documenti di trasparenza tecnica delle offerte Iliad che includono l’accesso alla rete 5G (attualmente è attivabile la Flash 180, mentre in precedenza era la Giga 150), oltre alle suddette velocità in 2G, 3G e 4G sono presenti anche le velocità massime stimate raggiungibili in 5G (400 Mbps in download e 30 Mbps in upload).

Per quanto riguarda invece la velocità pubblicizzata, nei documenti di trasparenza tecnica di tutte le offerte mobile Iliad viene riportato soltanto N/A, in quanto l’operatore per le sue offerte non pubblicizza la velocità raggiungibile.

Nei documenti di trasparenza tecnica di Iliad è poi presente la voce relativa alla tecnologia VoLTE (Voice over LTE), in cui viene semplicemente riportato che attualmente la tecnologia per effettuare e ricevere chiamate su rete 4G non è supportata.

Si ricorda tuttavia che, come già raccontato da MondoMobileWeb, Iliad Italia sta comunque lavorando all’implementazione del VoLTE, che prossimamente dovrebbe quindi essere reso disponibile.

All’interno dei documenti di trasparenza tecnica di Iliad Italia è poi riportata la sezione “Misure applicate in rete con impatti sulla velocità di connessione ad Internet e Meccanismi di QoS”, dove viene specificato innanzitutto che Iliad non applica livelli di qualità differenziati tra le offerte e in base al servizio (ad esempio per i servizi di streaming, di accesso ad internet).

Per quanto riguarda i meccanismi di QoS (Quality of Service), attualmente Iliad riporta che per la configurazione della propria rete e per consentire agli utenti l’accesso ai servizi, Iliad utilizza i parametri Quality of service Class Identifier (QCI), Non-GBR (non Guaranteed Bit Rate) Resource Type, Packet delay budget (fino a 300 ms) e Packet Error loss rate.

Infine, l’ultima sezione dei documenti di trasparenza tecnica di Iliad Italia riguardano l’Assistenza tecnica, dove l’operatore riporta il link alla pagina del suo sito web in cui si possono ottenere maggiori informazioni sulle diverse tecnologie di rete.

Inoltre, l’operatore invita a contattare il Servizio Clienti per ricevere assistenza tecnica relativamente alle informazioni contenute nel prospetto di trasparenza tecnica.

Seguici su Telegram

Per rimanere aggiornato sulle novità della telefonia unisciti al canale @mondomobileweb di Telegram.

Seguici anche su Google News, Facebook, X e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Caro Lettore, grazie per essere qui. Ti informo che con un blocco degli annunci attivo chi ci sostiene non riesce a mantenere i costi di questo servizio gratuito. La politica è di non adottare banner invasivi. Aggiungi mondomobileweb.it tra le esclusioni del tuo Adblock per garantire questo servizio nel tempo.