FiberCopLexFoniaReti e FrequenzeTim Rete Fissa

Disattivazione centrali in rame TIM: Elisa Giomi (AGCOM) spiega il suo voto contrario

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) ha deciso nella riunione di Consiglio del 27 settembre 2023 di approvare la chiusura di un numero rilevante di centrali, oltre 1.300 della rete di TIM.

Come già raccontato in dettaglio da MondoMobileWeb, nella giornata del 4 ottobre 2023, l’AGCOM ha pubblicato il documento della delibera 238/23/CONS (ecco il documento completo) con oggetto “Pubblicazione ai sensi dell’art. 50, commi 2 e 6, della delibera n. 348/19/CONS, dell’esito delle verifiche e del tempo di preavviso per 1.342 centrali locali di TIM S.p.A. oggetto di istanza di decommissioning”.

L’Autorità, nella riunione di Consiglio del 27 settembre 2023, ha approvato, con il voto contrario della Commissaria Elisa Giomi, gli esiti delle attività di vigilanza condotte su un secondo lotto di centrali locali in rame per le quali TIM ha comunicato l’intenzione di procedere allo switch-off della rete primaria in rame.

La Commissaria AgCom Elisa Giomi oggi 6 ottobre 2023 ha deciso di spiegare in una nota, inviata anche a MondoMobileWeb, la propria contrarietà alla decisione.

Ecco la nota integrale:

Giomi: “Prima di chiudure le centrali va verificato quanto è il rame presente in quelle aree”

L’Autorità ha deciso nella riunione di Consiglio del 27 settembre scorso di approvare la chiusura di un numero rilevante di centrali, oltre 1.300 della rete di TIM. La chiusura delle centrali è certamente un passo utile per ridurre i costi di rete quando l’ex monopolista decide di dismettere una tecnologia obsoleta, come la rete in rame, a favore di reti in fibra ottica e wireless ad alta capacità” dichiara oggi 6 ottobre 2023 la Commissaria AgCom Elisa Giomi che spiega in una nota la propria contrarietà alla decisione.

Per una completa comprensione del quadro occorre però dire anche che la chiusura delle centrali comporta una perdita degli investimenti da parte di tutti gli operatori che hanno realizzato infrastrutture di rete per raggiungere ed attrezzare proprio quelle centrali che TIM aveva pianificato di aprire e mantenere aperte alla concorrenza” prosegue Giomi che chiosa: “A ciò si aggiungono i notevoli costi di migrazione delle linee e delle nuove architetture di rete che seguiranno al cosiddetto decommissioning”.

La chiusura delle centrali è giustificata solo se si elimina dall’area territoriale l’intera rete in rame, altrimenti il danno alla concorrenza rischia di essere superiore al beneficio di riduzione dei costi dell’ex monopolista” aggiunge Giomi che ha proposto al Consiglio, prima di assumere la decisione, di verificare quale fosse la parte di rete in rame presente nelle aree coperte dalle centrali oggetto di chiusura, dal momento che TIM continua a utilizzare in modo rilevante architetture di rete con collegamenti in rame, come nel caso del cosiddetto FTTC Fiber To The Cabinet.

Tanto è vero che una rete FTTC in un’area servita da una centrale si compone per la maggior parte di collegamenti in rame e solo marginalmente di collegamenti in fibra” argomenta la Commissaria che mette in guardia sul fatto che: “Senza le dovute verifiche si potrebbe commettere l’errore di chiudere centrali in aree dove TIM continua a utilizzare in modo significativo architetture FTTC. E il fatto che la mia proposta sia stata respinta, tra l’altro anche da chi non l’ha ascoltata perché momentaneamente assente, ci espone al paradosso come regolatore di questo settore di approvare la chiusura delle centrali giustificandola con la necessità di migrare dalla tecnologia in rame a quella in fibra o wireless quando la maggior parte della copertura di un’area potrebbe ancora essere basata sui vecchi cavi in rame”.

Perché allora parlare di ‘switch-off della rete primaria’ per giustificare la chiusura delle centrali quando la maggior parte della rete in rame continua a essere in esercizio?” si chiede la Commissaria che aggiunge: “Dismettere solo una parte marginale dei collegamenti in rame, vale a dire quelli della rete primaria, sembra piuttosto poter celare la volontà di mantenere in campo ancora per lungo tempo la vecchia tecnologia”.

E conclude: “In questa lunga sfida finalizzata a dotare il Paese di nuove e performanti tecnologie al passo con il resto dell’Europa, è fondamentale che ci sia una pianificazione trasparente del processo di sostituzione del vecchio con il nuovo che permetta a tutti di conoscere di quali tecnologie possiamo disporre ed entro quali tempi, altrimenti a pagarne il prezzo sarà l’intera industria e soprattutto i consumatori“.

Si ricorda che con la Delibera AGCOM 348/19/CONS, l’Autorità aveva già approvato a luglio 2019 il piano di decommissioning per la rete di accesso in rame di TIM, ovvero lo switch-off di una parte delle centrali locali per la migrazione dei servizi sulla rete in fibra.

Con la delibera 348/19/CONS l’Autorità ha stabilito anche le condizioni regolamentari propedeutiche all’attuazione del Piano di decommissioning di TIM, necessarie a “preservare le condizioni di competizione nel mercato dell’accesso”.

Per rimanere aggiornato sulle novità della telefonia unisciti al canale @mondomobileweb di Telegram. Seguici anche su Google News, Facebook, X e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Caro Lettore, grazie per essere qui. Ti informo che con un blocco degli annunci attivo chi ci sostiene non riesce a mantenere i costi di questo servizio gratuito. La politica è di non adottare banner invasivi. Aggiungi mondomobileweb.it tra le esclusioni del tuo Adblock per garantire questo servizio nel tempo.