Open Fiber

Open Fiber nelle Marche: proseguono i lavori nelle zone bianche e urbane della regione

Proseguono i lavori di Open Fiber, nell’ambito dei bandi Infratel del piano BUL, per portare la banda ultralarga nelle Marche, il cui stato di avanzamento è stato illustrato oggi, 24 settembre 2021, dal Presidente della regione, Francesco Acquaroli, e dal Vicepresidente e Assessore alla digitalizzazione, Mirco Carloni.

Quest’ultimo, sottolineando l’importanza e l’esigenza di una infrastruttura di rete adeguata per la fruizione di determinati servizi, ha spiegato come, tramite gli interventi effettuati con Open Fiber e Infratel nella regione Marche, da ottobre 2020 ad oggi sono stati aperti 182 cantieri, di cui 21 in prossima apertura e 88 chiusi.

Alla conferenza stampa, tenutasi nella sede della Moretti Design, azienda del tessuto produttivo ascolano, hanno presenziato anche Giulio Gioia, Responsabile d’area Infratel, Andrea Antonini, Consigliere regionale, e Roberto Tognaccini, Responsabile Network e Operation Centro Italia Open Fiber.

Anche Tognacci si è espresso in merito allo stato di avanzamento del piano, facendo riferimento ai servizi messi a disposizione di cittadini, scuole e Pubblica Amministrazione, attraverso la fibra, e alle 55 aree industriali già connesse ad essa.

Durante la conferenza, sono intervenuti, inoltre, il Sindaco di Ripatransone, Alessandro Lucciarini De Vincenzi, e il dirigente scolastico del locale Istituto “Fazzini Mercatini” di Ripatransone, Sabrina Vallesi, la quale ha testimoniato l’importanza della fibra per gli studenti.

Open Fiber

Questa, invece, la dichiarazione del Presidente Acquaroli:

Il progetto nato nel 2016 nell’ambito di un accordo nazionale, al nostro arrivo stava registrando un grande ritardo, nonostante un finanziamento complessivo di oltre 105 milioni di euro. Fino ad ottobre 2020 i cantieri erano rimasti chiusi. Dopo l’insediamento, con il massimo sostegno di tutta la giunta, abbiamo dato un’enorme accelerazione: solo tra ottobre e dicembre 2020 sono stati effettuati ben 31 collaudi.

Oggi inauguriamo un ottimo risultato che testimonia che qualcosa finalmente si sta muovendo. Il risultato che abbiamo raggiunto a Ripatransone vogliamo raggiungerlo dappertutto. Per questo è essenziale una filiera istituzionale e associativa: insieme dobbiamo costruire una nuova competitività per i nostri territori.

Abbiamo aziende costrette a spostarsi per poter lavorare perché nelle loro zone non riescono a scaricare le mail più pesanti. A queste persone dobbiamo garantire la prosecuzione di queste attività. Ci aspettiamo che i ritardi che si sono verificati fino al 2020 siano recuperati al più presto. Si tratta di esigenze improcrastinabili a cui dobbiamo dare risposte immediate.

In merito alle aree bianche (zone periferiche e borghi rurali) delle Regione, Open Fiber sta realizzando un’infrastruttura in banda ultralarga, principalmente in modalità FTTH (Fiber To The Home), che resterà di proprietà pubblica e verrà gestita dall’azienda in concessione per 20 anni.

Il piano di cablaggio, che attualmente vede connesse 74 mila unità immobiliari e 494 punti di pubblico interesse (scuole, musei, sedi comunali) in 88 comuni sparsi in tutte le province delle Marche, coinvolge in totale 216 comuni e sarà completato nel 2022.

Nel comune di Ripatransone, 1746 unità immobiliari sono connesse con tecnologia FTTH, tramite una nuova infrastruttura di 23 chilometri, mentre altre 400 in banda ultralarga con tecnologia FWA (Fixed Wireless Access).

Open Fiber, infine, sta realizzando una rete in fibra FTTH nelle principali aree urbane delle Marche, dove opera con investimento privato. Al momento, il servizio è disponibile ad Ancona, Macerata, Pesaro, Fabriano e Ascoli Piceno, per oltre 95 mila famiglie e con un investimento privato di oltre 34 milioni di euro.

A fine 2021, poi, le prime connessioni saranno disponibili anche per i cittadini di Civitanova Marche e Senigallia, con un ulteriore investimento di 11 milioni di euro.

 

Vuoi ricevere notizie e consigli utili in tempo reale sul mondo della telefonia? Iscriviti gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Segui MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

MondoMobile.News

Back to top button