IoT e Tech 5GVodafoneSpot e Comunicazione

Pierluigi Collina in un video sulla sicurezza stradale per Vodafone Curve Bike Light & GPS Tracker

Vodafone ha lanciato una nuova campagna pubblicitaria per promuovere il suo dispositivo IoT chiamato Curve Bike Light & GPS Tracker, con protagonista l’arbitro Pierluigi Collina e il suo team di assistenti.

Lo spot promuove dunque il nuovo dispositivo che giunge con GPS e sensori smart che riconoscono eventuali impatti o cadute. Inoltre, il prodotto presenta un fanalino posteriore smart con tre modalità di illuminazione, che segnala le frenate.

Tra le altre cose, il sistema di segnalazione sonora può avvisare in caso di movimenti o spostamenti inattesi, o ancora inviare la posizione della bicicletta allo smartphone tramite la localizzazione direttamente dalla Vodafone Smart App. Inoltre, tramite il GPS il ciclista può anche tenere traccia delle sue corse, delle distanze di volta in volta percorse e della durata delle stesse.

In caso di caduta o incidente, il sensore di impact detection permette al cliente di segnalare automaticamente l’emergenza ai contatti di fiducia tramite notifica, SMS o persino chiamata automatica, per informare sulla posizione del ciclista in difficoltà.

Nel nuovo spot di Vodafone dedicato appunto alla sicurezza durante le pedalate, Pierluigi Collina diventa il Vodafone Assistant Road Referee (VARR) per richiamare l’attenzione sul tema della sicurezza stradale. Infatti, Collina e il suo team sono chiamati a svolgere il ruolo di “giudici” nella ben nota rivalità tra ciclisti e automobilisti.

Il team di Assistenti Arbitrali Stradali perlustra così la città sotto la supervisione del celebre arbitro, che elenca agli spettatori alcune regole fondamentali quando ci si trova alla guida di una biciletta per evitare incidenti o altri situazioni spiacevoli, come ad esempio rispettare i semafori rossi, rendersi visibili al buio e mantenere la distanza dai veicoli.

Di seguito il commento di Pierluigi Collina, protagonista dello spot:

“Oggi, con così tante persone che si mettono in sella a una bici per la prima volta, è più importante che mai rendere le nostre strade più sicure mettendo un freno alla contrapposizione tra ciclisti e automobilisti.

Il VAR ha aiutato il bellissimo gioco del calcio e credo che il nostro nuovo concetto, il VARR, possa essere uno strumento per monitorare cosa succede sulle strade e garantire che lì tutti giochino secondo le stesse regole”.

Secondo una ricerca recente commissionata proprio da Vodafone, quasi un terzo di chi utilizza una bicicletta ha iniziato a farlo negli ultimi 18 mesi, mentre nello stesso periodo quasi metà dei ciclisti abituali ha acquistato una nuova bicicletta.

Il trend, già in crescita in tutta Europa, potrebbe proseguire anche in Italia, con il 62% dei ciclisti italiani che affermano che in futuro aumenteranno il tempo trascorso in bici per gli spostamenti. Tuttavia, il 26% dei ciclisti italiani non si sente sicuro per strada e quasi la metà ritiene che amici o familiari siano preoccupati per la loro incolumità.

 

Per ricevere notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

MondoMobile.News

Back to top button