iliadKena MobileLexFoniaTim

TIM e Iliad, causa al Tribunale di Milano: si attende la decisione sulle istanze istruttorie

TIM ha fornito un aggiornamento sulla sua causa al Tribunale Civile di Milano contro Iliad, dopo la richiesta di risarcimento danni e la domanda riconvenzionale da parte di TIM stessa.

Iliad aveva convenuto TIM al tribunale di Milano per possibili condotte anticoncorrenziali attuate anche tramite il marchio Kena Mobile. 

Più precisamente, con atto di citazione notificato nel corso del primo trimestre del 2020, infatti, Iliad Italia aveva convenuto TIM dinanzi al Tribunale di Milano per presunte condotte anticoncorrenziali, adottate anche tramite il marchio Kena Mobile e volte ad ostacolare l’ingresso ed il consolidamento nel mercato della telefonia mobile. Per questa ragione, l’operatore aveva richiesto un risarcimento per almeno 71,4 milioni di euro.

TIM si era costituita in giudizio contestando integralmente le richieste di Iliad Italia e proponendo a sua volta una domanda riconvenzionale ai sensi dell’articolo 2598 del codice civile con riferimento alle “condotte denigratorie poste in essere da Iliad Italia S.p.A. nei confronti di TIM” e formulando richiesta risarcitoria di danni.

Per conoscere le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

TIM BT Italia Antitrust

Nella prima memoria istruttoria, TIM ha ricordato che Iliad ha aggiornato le proprie pretese risarcitorie portandole a quota 242,8 milioni di euro. Intanto, secondo quanto riportato negli ultimi risultati finanziari presentati oggi 19 Maggio 2021, all’udienza del 13 Aprile 2021 il Giudice si è riservato di decidere sulle istanze istruttorie delle parti.

L’aggiornamento odierno giunge a breve distanza da quello divulgato da Vodafone, che nei documenti finanziari presentati ieri 18 Maggio 2021 ha reso noto che la sua causa contro Iliad al Tribunale di Milano vede fissata l’udienza principale per l’8 Giugno 2021, salvo cambiamenti.

In quel caso, Iliad aveva convenuto Vodafone con una pretesa risarcitoria di 500 milioni di euro per presunte condotte anticoncorrenziali in relazione alle portabilità e a determinate campagne pubblicitarie. I ritardi nella portabilità erano stati considerati da Iliad come un grave danno alla sua immagine, da cui è nata la richiesta di risarcimento. In questo caso, il Tribunale aveva già rigettato l’istanza di sospensione cautelare per gli SMS winback di Vodafone.

 

Vuoi ricevere notizie e consigli utili in tempo reale sul mondo della telefonia? Iscriviti gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Segui MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

MondoMobile.News

Back to top button