Open Fiber

Open Fiber, Cdp guarda alla sua maggioranza: via libera all’offerta per il 10% di Enel

Il Consiglio di Amministrazione di Cassa Depositi e Prestiti ha dato il via libera alla holding CDP Equity per presentare un’offerta a Enel per l’acquisizione di una partecipazione del 10% di Open Fiber.

Cdp Equity è una holding di partecipazioni attiva in investimenti, precedentemente nota con il nome Fondo Strategico Italiano, il cui azionista di controllo è proprio Cdp.

Cassa Depositi e Prestiti ha quindi confermato il suo interesse per acquisire il 10% di Enel, l’attuale coproprietario di Open Fiber che cederà la sua quota al fondo australiano MIRA.

Così facendo, una volta completata l’operazione, Cassa Depositi e Prestiti avrebbe di fatto la maggioranza del capitale di Open Fiber, con il 60% di quote azionarie, per guidare l’operatore wholesale only e “rafforzare il proprio sostegno a un’infrastruttura strategica di grande importanza per la digitalizzazione e la competitività del Paese”. L’obiettivo espresso da Cassa Depositi e Prestiti è infatti quello di estendere una rete in fibra ottica su scala nazionale, aperta a tutti gli operatori, per ridurre il digital divide.

A tal proposito, prima del closing dell’accordo, Cdp si è impegnata ad apportare nuove risorse per sostenere l’accelerazione del piano di sviluppo della rete in fibra ottica FTTH di Open Fiber.

Come evidenziato da Cassa Depositi e Prestiti, la presentazione dell’offerta per acquisire la maggioranza in Open Fiber giunge dopo la decisione di Enel di considerare l’offerta del fondo Macquarie Infrastructure and Real Assets per l’acquisto di una quota compresa tra il 40% e il 50%.

Enel, socio con il 50%, dovrebbe dunque vendere non l’intera quota in suo possesso al fondo MIRA, ma solo il 40% di Open Fiber, trattando l’altro 10% con Cdp per permettere a quest’ultima di rilevare la maggioranza della società.

Per conoscere le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

Open Fiber ZION

Si segnala che l’operazione adesso annunciata era stata già ipotizzata da tempo, dal momento che Enel e Cdp avevano prorogato l’accordo sui tempi per la prelazione, che permette appunto a Cassa Depositi e Prestiti di effettuare un’offerta a Enel per una quota delle sue azioni.

In questo contesto, il Consiglio di Amministrazione di Cassa Depositi e Prestiti ha anche autorizzato la sottoscrizione di un term-sheet vincolante con il fondo Macquarie per definire gli assetti di governance di Open Fiber dopo l’ingresso del fondo nel capitale.

Il perfezionamento dell’operazione sarà come sempre soggetto all’autorizzazione delle Autorità competenti e alla sottoscrizione di accordi definitivi tra le parti.

Aggiornamento ore 19:00: sempre nella giornata di oggi, 30 Aprile 2021, il CdA di Open Fiber, riunitosi sotto la presidenza di Franco Bassanini, ha deliberato il gradimento all’ingresso del fondo infrastrutturale Macquarie nel capitale della società.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button