Economia e FinanzaReti e FrequenzeTLC nel Mondo

Telefonica: accordo per la vendita delle torri di Telxius Telecom per 7,7 miliardi di euro

In questo periodo di rapidi cambiamenti, anche a causa dello sviluppo commerciale del 5G, continuano a susseguirsi importanti operazioni finanziarie tra gli operatori, che hanno ad oggetto i rispettivi portafogli di assets di rete. Adesso, Telefonica ha annunciato la vendita delle antenne della controllata Telxius ad American Towers Corporation.

Dopo Cellnex, che ha recentemente terminato l’acquisizione delle torri di CK Hutchison in alcuni Paesi europei (prossimamente anche in Italia per le antenne di WindTre), adesso il Gruppo Telefonica ha comunicato di aver raggiunto un accordo per vendere le torri della sua sussidiaria all’azienda American Towers Corporation.

L’accordo prevede la vendita di circa 30.700 torri di comunicazione in Europa e America e si svolgerà in due transazioni distinte, una per il business europeo e l’altra per quello dell’America Latina, con i due closing che saranno chiaramente soggetti al via libera delle rispettive autorità competenti, con tempistiche non ancora comunicate ufficialmente.

Per conoscere tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

Telefonica

Come ricordato, gli operatori del Gruppo Telefonica manterranno comunque gli attuali contratti di locazione delle torri firmati con le società controllate da Telxius Telecom fino alla scadenza.

Nel complesso, la vendita delle torri in Spagna, Germania, Brasile, Perù, Cile e Argentina prevede un ritorno economico per Telefonica di circa 7,7 miliardi di euro.

Secondo il CEO dell’azienda, José María Álvarez-Pallete, l’accordo rientra nella roadmap di Telefonica e coinvolge il secondo fornitore dell’azienda. Dopo la vendita programmata, l’operatore spagnolo continuerà a concentrarsi sull’integrazione tra O2 e Virgin nel Regno Unito e sull’acquisto di Oi Mobile in Brasile (in cui è coinvolto anche l’operatore TIM), oltre che sulla riduzione del debito.

A tal proposito, secondo quanto comunicato dall’operatore, dopo la transazione con American Towers Corporation il debito netto del Gruppo dovrebbe ridursi di circa 4,6 miliardi di euro. Telefonica continuerà comunque a trovare nuove opportunità per gestire le sue risorse nel modo più efficiente possibile in vista delle sfide future.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button