ServiziLexFoniaSociale

AGCOM assegna numerazione 1520 alla Croce Rossa Italiana. 1530 Guardia Costiera numero di emergenza

L’AGCOM ha reso noto di aver apportato delle modifiche al piano nazionale di numerazione nel settore delle telecomunicazioni, assegnando in particolare un nuovo numero per servizi di pubblica utilità della Croce Rossa Italiana e anche spostando fra le numerazioni per servizi di emergenza l’esistente numero blu per le emergenze in mare della Guardia Costiera.

Le novità sono state comunicate grazie alla pubblicazione delle delibere dei relativi provvedimenti, avvenuta in entrambi i casi oggi, 19 Novembre 2020, sul sito dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

La prima delle due, datata 8 Ottobre 2020, è la delibera n. 312/20/CIR, denominata “Modifica della classificazione del servizio svolto con la numerazione 1530 da servizio di pubblica utilità a servizio di emergenza”.

Questa delibera recepisce il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 24 Luglio 2020 recante “Numero Unico di emergenza europeo. Modifica della classificazione del numero blu – 1530 per le emergenze in mare”, nell’ambito del quale è previsto che il numero 1530 sia incluso tra i numeri per i servizi di emergenza.

Fino ad ora, infatti, il numero 1530 della Guardia Costiera era incluso nella lista delle numerazioni per i servizi definiti di pubblica utilità.

Pertanto, l’AGCOM ha aggiornato il Piano di numerazione rimuovendo il numero 1530 tra i numeri per servizi di pubblica utilità ed inserendolo invece tra i numeri per i servizi di emergenza, come previsto dal DPCM in questione.

AGCOM 1520 1530

L’altra delibera è la n. 323/20/CIR, documento in questo caso del 29 Ottobre 2020, che riguarda “Assegnazione di risorse di numerazione al ministero della salute”.

In questo caso l’Autorità ha infatti ricevuto, con una nota del 2 Settembre 2020, una richiesta da parte del Ministero della Salute per l’assegnazione di un numero di pubblica utilità da dedicare ad attività svolte dalla Croce Rossa Italiana.

Nello specifico, il Ministero della Salute e la Croce Rossa Italiana hanno richiesto l’assegnazione del numero 1520 per svolgere servizi sociosanitari e di emergenza da parte della stessa Croce Rossa Italiana.

L’AGCOM ha ritenuto la richiesta conforme a quanto disposto dall’articolo 13 dell’allegato A alla delibera n. 8/15/CIR, pertanto assegnando la nuova numerazione 1520 e modificando di conseguenza il vigente Piano nazionale di numerazione. Si segnala che attualmente la numerazione 1520 non risulta ancora attiva.

Per conoscere le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb per essere sempre informati sul mondo della telefonia mobile.

numerazione Croce Rossa Guardia Costiera

Per via di queste due delibere appena raccontato, l’Autorità ha così modificato il comma 4 dell’articolo 13 dell’Allegato A alla delibera n. 8/15/CIR, e quindi ecco come si presenta la nuova lista dei numeri attualmente assegnati per i servizi di pubblica utilità:

  • 117, per il servizio di Guardia di Finanza, assegnato al Ministero dell’Economia e delle Finanze;
  • 1500, per il servizio di comunicazione per emergenze per la salute pubblica, assegnato al Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali;
  • 1510, per indagini statistiche di titolarità dell’ISTAT, assegnato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della funzione pubblica;
  • 1515, per il servizio antincendi boschivo del Corpo Forestale dello Stato, assegnato al Ministero dell’Interno;
  • 1518, per il servizio informazioni CCISS, assegnato sia al Ministero dello Sviluppo Economico che al Ministero dell’interno;
  • 1520, per i servizi sociosanitari e di emergenza della Croce Rossa Italiana, assegnato al Ministero della Salute;
  • 1522, per il servizio a sostegno delle donne vittime di violenza, assegnato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le pari opportunità;
  • 1525, per il servizio di emergenza ambientale, assegnato al Ministero dell’ambiente, della tutela del territorio e del mare;
  • 1533, per la prenotazione di servizi sanitari, assegnato al Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali;
  • 1544, per i servizi della polizia penitenziaria, assegnato al Ministero della giustizia.

Inoltre, con lo spostamento del numero della Guardia Costiera fra le numerazioni di emergenza, l’AGCOM ha anche modificato il comma 2 dell’articolo 12 dell’Allegato A alla delibera n. 8/15/CIR, e dunque l’attuale lista dei numeri per i servizi di emergenza attualmente assegnati è la seguente:

  • 112, per il servizio di Pronto Intervento, assegnato al Ministero della Difesa (Carabinieri);
  • 113, per il servizio di Soccorso pubblico di emergenza, assegnato al Ministero dell’Interno (Polizia di Stato);
  • 114, per indagini statistiche di titolarità dell’ISTAT, assegnato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della funzione pubblica;
  • 115, per il Servizio Antincendi, assegnato al Ministero dell’Interno (Vigili del Fuoco);
  • 118, per il servizio di Emergenza Sanitaria, assegnato al Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali;
  • 1530, numero blu per le emergenze in mare della Guardia Costiera, assegnato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Si ricorda inoltre che il numero 112 è riservato anche per fornire il servizio relativo al Numero Unico di emergenza europeo.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button