LexFoniaReti 5G

Rideterminazione contributi per frequenze 5G degli operatori BWA: respinta la sospensione cautelare

Il Consiglio di Stato ha respinto l’appello incidentale di sospensione cautelare presentato dall’AGCOM, MiSE e MEF contro Vodafone, Go Internet, WindTre e TIM, legato all’appello principale per la riforma della sentenza del TAR sul contributo delle frequenze 5G degli operatori.

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, insieme a MiSE e MEF avevano richiesto l’annullamento della sentenza che aveva accolto i ricorsi di Iliad, TIM e Vodafone sulla proroga e sul corrispettivo delle frequenze per Aria, Go Internet, Linkem e Mandarin.

Inoltre, in via incidentale, era stata richiesta anche la sospensione dell’efficacia della sentenza, su cui il CdS ha ora deciso con un’ordinanza pubblicata oggi, 28 Agosto 2020. La decisione odierna del Consiglio di Stato riguarda dunque proprio tale richiesta di sospensione cautelare.

Per conoscere tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

frequenze

La proroga riguardava la durata dei diritti d’uso per le frequenze in banda 3.4-3.6 GHz e il TAR aveva accolto i ricorsi di Iliad, TIM e Vodafone annullando il provvedimento del MiSE (Ministero dello Sviluppo Economico) e il parere dell’AGCOM.

La ragione alla base della decisione, era che i contributi pagati dagli operatori erano stati considerati particolarmente slegati dal valore delle frequenze scaturito dalla gara tra gli operatori. In altri termini, i valori andranno rideterminati perché risultano eccessivamente distanti dal valore effettivo delle frequenze, stabilito dall’asta competitiva.

Adesso, nel decidere sull’appello incidentale di AGCOM, MiSE e MEF, il Consiglio di Stato ha rilevato che la sentenza impugnata obbliga AGCOM e MiSE ad avviare un apposito procedimento per definire un nuovo criterio di fissazione del contributo per il periodo di proroga dei diritti delle frequenze.

Per questa ragione, non essendo stati ancora rideterminati i canoni e non essendo sorto per gli operatori nessun obbligo di pagare, il CdS ha ritenuto di respingere l’istanza cautelare con cui era stata chiesta la sospensione della sentenza.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button