TIM Next 12 mesi: esteso per alcuni clienti il termine per la sostituzione dello smartphone


TIM ha predisposto in via eccezionale una modifica della finestra temporale per la sostituzione o restituzione dei terminali per alcuni clienti TIM Next 12 mesi che non hanno potuto recarsi in un negozio a causa del lockdown generalizzato.

I clienti che hanno attivato TIM NEXT 12 mesi tra il 1° Gennaio e il 20 Aprile 2019, avranno infatti tempo fino al 30 Giugno 2020 per sostituire o restituire il loro smartphone. Questi verranno anche contattati tramite SMS per essere invitati a recarsi in un negozio e usufruire del servizio di sostituzione.

In seguito la campagna SMS di TIM:

“TIM NEXT: ora più che mai TIM vuole essere vicina ai suoi Clienti. Per superare i disagi causati dal periodo di lockdown, potrai sostituire il tuo smartphone rateizzato TIM NEXT fino al 30 Giugno 2020! Per maggiori info sui prodotti disponibili con TIM NEXT vai su https://www.tim.it/tim-next”.

Il servizio TIM Next permette al cliente di acquistare uno smartphone a rate e decidere di tenerlo, sostituirlo o restituirlo all’operatore recandosi presso un punto vendita. Consegnando il prodotto usato, il cliente può così scegliere un nuovo smartphone tra quelli disponibili con TIM Next, oppure si può decidere di restituirlo senza costi aggiuntivi.

La sostituzione comporta la sottoscrizione di una nuova offerta tra quelle in commercializzazione e può avvenire solo contestualmente alla restituzione. Chiaramente, la rata mensile potrebbe essere diversa da quella precedente, a seconda del device scelto.

Si segnala che da Luglio 2019, TIM Next Plus ha sostituito la precedente TIM Next 12 mesi, che permetteva appunto la sostituzione solo dopo un anno e solo per i due mesi successivi, dunque dal 12° al 14° mese.

L’attuale variante prevede invece la sostituzione del prodotto già dal 6° mese e fino al 30° mese, purché il cliente sia in regola con i pagamenti. Se il cliente invece non sostituisce lo smartphone, continuerà a pagare regolarmente le rate previste e il canone della garanzia convenzionale fino alla scadenza.

Dunque, la campagna SMS in questione è rivolta ai clienti che hanno attivo il servizio TIM Next 12 mesi, quello precedente rispetto alla nuova versione TIM Next Plus e caratterizzato appunto dalla possibilità di sostituire lo smartphone solo dal dodicesimo mese e fino al quattordicesimo.

PIù nel dettaglio, i clienti contattati da TIM e che potranno godere della proroga del termine per chiedere la sostituzione saranno quelli che hanno attivato il servizio dal 1° Gennaio 2019 al 20 Aprile 2019, quindi quelli la cui finestra temporale per il cambio è andata a cadere proprio nel periodo di emergenza nazionale.

Per questa ragione, TIM ha deciso di far slittare la scadenza in via eccezionale per permettere a tali clienti di godere del servizio, considerando la difficoltà per molte persone a raggiungere i negozi dell’operatore (che comunque sono rimasti aperti in sicurezza durante il lockdown).

Si segnala che il cliente con TIM NEXT 12 mesi (dunque la versione precedente) nel momento in cui chiederà la sostituzione del device sottoscriverà il nuovo contratto e dunque passerà in automatico alla nuova versione disponibile da Luglio 2019, la TIM NEXT Plus, caratterizzata da una finestra temporale ben più ampia per la sostituzione, che va appunto dal 6° al 30° mese, invece che dal 12° al 14°.

Per conoscere in tempo reale tutte le novità degli operatori di telefonia mobile, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb per essere sempre informati sul mondo della telefonia mobile.

TIM Next

La TIM NEXT Plus può essere attivata esclusivamente dagli intestatari di SIM ricaricabili con attiva un’opzione con un bundle dati, che dovrà rimanere attiva per l’intera durata contrattuale.

La cessazione dell’opzione comporta anche la cessazione contestuale di TIM Next, con l’addebito degli importi contrattualmente previsti. Il contratto ha una durata di 30 mesi e l’anticipo previsto andrà pagato in contanti al rivenditore al momento dell’attivazione.

La domiciliazione dei costi mensili andrà invece effettuata solo su carta di credito dei circuiti Visa, Mastercard e Amex; non sono infatti accettate le carte prepagate.

Anche per sottoscrivere TIM Next Plus è previsto un costo di attivazione di 9,99 euro e il cliente ha incluso anche il servizio di protezione obbligatoria dello smartphone (al costo di 6,90 euro al mese) che prevede la riparazione per danni accidentali o danni da liquidi, con ritiro e consegna del device tramite corriere a fronte di un contributo di 138 euro.

Il cliente potrà poi scegliere di proteggere lo smartphone anche dal furto, con l’assicurazione del costo di 3 euro al mese, in aggiunta alla garanzia convenzionale. In questo caso, il cliente potrà ottenere la consegna con corriere di un nuovo smartphone in caso di furto entro 7 giorni dall’approvazione della richiesta, a fronte di un contributo pari a 249 euro.

Se il cliente non ha mai fruito del servizio di garanzia convenzionale, in fase di cessazione i canoni mancanti alla scadenza non saranno comunque addebitati.

Si ringrazia A. per la segnalazione.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.