iliadReti e FrequenzeTelecomunicazioni

Iliad continua a crescere in Italia: superati i 5,8 milioni di clienti nel primo trimestre

Il Gruppo Iliad ha pubblicato oggi 12 Maggio 2020 i suoi risultati finanziari aggiornati al primo trimestre del 2020, che per l’Italia confermano una crescita dei ricavi e un incremento di circa 525.000 clienti nel trimestre.

A livello di Gruppo, il board sottolinea che i risultati confermano la dinamica di crescita dell’azienda, nonostante l’attuale contesto epidemiologico europeo.

A tal proposito, il CEO Thomas Reynaud ha sottolineato che la crisi di Coronavirus ha spinto l’azienda a mostrare la sua agilità e flessibilità, rafforzando lo spirito di solidarietà tra tutti i dipendenti. Nonostante il contesto attuale, Reynaud ha affermato inoltre che Iliad continuerà a investire sulle sue reti e a offrire servizi sempre migliori ai suoi clienti.

 In Italia, l’impegno per contrastare l’epidemia di Coronavirus si è tradotto, come noto, in un incremento del traffico dati per i piani Voce da 4,99 euro al mese (passato dai 40 Megabyte inclusi a 10 Giga) e nel pagamento anticipato delle fatture di numerosi fornitori.

Inoltre, è stato reso noto che Iliad ha continuato a puntare sulle risorse umane in Italia mantenendo tutti i contratti per le nuove assunzioni.

Per conoscere tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

Passando ai dati di Iliad Italia per questo primo trimestre del 2020, a emergere in prima battuta è la crescita del numero di clienti mobili: l’operatore ha infatti raggiunto 5.806.000 clienti, con un incremento trimestrale (dunque rispetto a Dicembre 2019) di circa 525.000 unità.

Ciò rappresenta un traguardo importante per Iliad, che adesso si ritrova già con oltre il 7% della customer base mobile italiana. Ciò ha portato a ricavi complessivi per 150 milioni di euro, in forte crescita rispetto all’anno scorso (+85,7%) nonostante l’emergere, a Marzo 2020, della pandemia di Coronavirus.

Il Gruppo ha dovuto quindi affrontare, alla fine del trimestre, una riduzione della sua distribuzione fisica per via delle misure di lockdown del Governo.

Tale chiusura ha comportato una naturale riduzione delle vendite a Marzo 2020, ma l’azienda ha precisato che grazie alla forte presenza online del brand, è stato possibile assorbire in parte l’impatto del rallentamento del mercato.

L’AD di iliad Italia, Benedetto Levi, ha commentato così gli ultimi dati: “In un momento particolare come quello che abbiamo vissuto negli ultimi mesi, è stato emozionante vedere tutte le persone che lavorano in iliad mobilitate al 100% per continuare a offrire un servizio di sempre migliore qualità agli utenti che hanno scelto le nostre offerte per lavorare, comunicare e svagarsi. Questa prova ci rende ancora più determinati nel continuare a contribuire alla digitalizzazione del Paese e a rispettare la fiducia che più di 5,8 milioni di persone ci accordano“.

Adesso, con l’uscita dell’Italia dal lockdown, Iliad ha avuto modo di riaprire tutti i suoi negozi, ma il board sostiene che il ritorno alla normalità sarà ancora graduale.

Nel complesso, come evidenziato nel grafico in basso, Iliad ha osservato una riduzione del ritmo di crescita in termini di nuove acquisizioni, dovuta alla contrazione del cosiddetto churn rate (tasso di abbandono) degli operatori a causa proprio delle restrizioni del Governo sugli spostamenti.

L’incremento trimestrale della base clienti di Iliad, che ha raggiunto 5,8 milioni di clienti. Fonte: Iliad

Sul fronte degli investimenti nella rete, Iliad ha continuato a investire in Italia con i suoi partner, ma a un ritmo inferiore rispetto a quanto fatto prima della diffusione dell’epidemia. Nel complesso, dall’inizio del 2020 sono stati aggiunti circa 900 siti, che portano il totale a oltre 2900 siti attivi e oltre 5000 siti equipaggiati già a fine Aprile 2020.

Anche grazie al rollout della sua rete, Iliad afferma di essere stata in grado di assorbire parte dell’aumento del traffico scaturito proprio dalle misure di lockdown generalizzato.

Per l’Italia, dunque, Iliad punta ancora a disporre di 5000 siti attivi entro la fine del 2020, riducendo le perdite in termini di EBITDA nel 2020 rispetto all’anno scorso proprio sulla base degli obiettivi di copertura.

Resta inoltre saldo l’obiettivo di lungo periodo, con cui Iliad mira, entro il 2024, a raggiungere circa 10000 o 12000 siti in Italia, generando nel lungo termine ricavi per 1,5 miliardi di euro.

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button