Telefonia: nel decreto Cura Italia misure anche per il potenziamento e la manutenzione delle reti


Con il decreto Cura-Italia, il Governo ha messo in campo diverse misure per fronteggiare l’emergenza nuovo Coronavirus, a supporto del servizio sanitario nazionale e a sostegno delle famiglie, dei lavoratori e delle imprese attive nel territorio. Il decreto contiene misure per 25 miliardi di euro, e coinvolge anche gli operatori di telecomunicazioni.

L’articolo che coinvolge le telco è il numero 82 del testo pubblicato in Gazzetta Ufficiale, recante Misure destinate agli operatori che forniscono reti e servizi di comunicazioni elettroniche.

Secondo tale articolo, fino al 30 Giugno 2020 viene stabilito che le aziende TLC che svolgono attività di fornitura di reti e servizi di comunicazioni elettroniche debbano avviare ogni utile iniziativa per potenziare le reti e garantire l’accesso ininterrotto ai servizi di emergenza.

Gli operatori dovranno inoltre dare massima priorità alle richieste provenienti dalle strutture e dai settori ritenuti “prioritari” dall’unità di emergenza della PdC o dalle unità di crisi regionali. Andranno inoltre assicurati tutti gli eventuali interventi di manutenzione della rete nel rispetto delle norme igienico-sanitarie vigenti e dei vari protocolli di sicurezza anti-contagio.

I contenuti del decreto, nella parte legata alle telecomunicazioni, sono comunicati all’AGCOM, che potrà modificare o integrare il quadro vigente laddove necessario al perseguimento delle finalità dell’articolo 79 sopra citato, nel rispetto delle proprie competenze.

Coronavirus telecomunicazioni

La logica della norma, come esplicitato nella relazione illustrativa, è quella di stimolare interventi di potenziamento delle infrastrutture per assicurare la fornitura di servizi di comunicazione elettronica in un periodo caratterizzato da una forte impennata dei consumi di servizi di chiamate e di traffico sulla rete.

Viene specificato, in tal senso, che gli interventi devono rivolgersi a tutto il territorio nazionale e non concentrarsi su segmenti di clientela o aree specifiche seguendo le logiche di mercato. Al contrario, il potenziamento della rete è mirato anche a ridurre il divario digitale per permettere a tutti di svolgere le loro attività lavorative e scolastiche dalla propria abitazione, senza un aggravio dei costi.

Tutte le misure andranno chiaramente intraprese dagli operatori nel rispetto della concorrenza del settore e il Governo ha esplicitamente esortato gli attori del mercato a mettere in campo iniziative e misure specifiche per sostenere il territorio e la popolazione con il doppio obiettivo di contrastare gli effetti economici dell’epidemia e di accelerare l’innovazione e la penetrazione di servizi di telecomunicazione in Italia.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.