Rete iliad: richieste per nuove antenne a Viterbo, Roma, Olbia, San Salvatore Monferrato e Ravenna


Proseguono gli sforzi di Iliad per sviluppare la sua rete proprietaria in Italia e raggiungere l’obiettivo di 3500 siti attivi entro la fine dell’anno. Nel corso delle ultime settimane, sono pervenute infatti diverse richieste per l’installazione di antenne nei comuni di Viterbo, Roma, Olbia, San Salvatore Monferrato e Ravenna.

Il quarto operatore ha confermato ancora una volta, in un recente incontro al Senato, che la sua priorità per il momento è costituita dalla realizzazione della rete proprietaria, per ridurre la stretta dipendenza da Wind Tre, originata dagli accordi firmati da Iliad in veste di remedy taker, dopo la fusione tra i due brand dell’operatore congiunto.

La prima richiesta è stata inoltrata al comune di Viterbo e pubblicata il 18 Luglio 2019. Come è possibile leggere nel documento ufficiale, quella di Iliad è un’istanza di autorizzazione per la realizzazione di una stazione radio base per la sua rete mobile, in via dell’Industria, zona Poggino.

   

Una seconda richiesta è giunta invece al Comune di Roma ed è stata pubblicata il 16 Luglio 2019. In questo caso, Iliad ha trasmesso comunicazione di inizio lavori per l’installazione di un nuovo impianto di radiotrasmissione di telefonia mobile su una struttura già esistente, tramite una segnalazione certificata di inizio attività.

Il Comune ricorda che, come garantito dal Decreto Legislativo n. 259 del 2003, eventuali opposizioni potranno essere presentate entro 90 giorni al Dipartimento Programmazione e Attuazione.

A Olbia, invece, a partire dal 10 Luglio 2019 Iliad ha inviato comunicazione per l’installazione di tre stazioni radio base su infrastrutture già esistenti, in via Monte Ladu, via dei Gradioli e in Via Barcellona. Saranno ora chiamati a fornire le proprie determinazioni tutti gli uffici e le amministrazioni coinvolte, entro 30 giorni dalla data di ricezione delle richieste, dunque nelle prime due settimane di Agosto 2019.

Anche a San Salvatore Monferrato, in Provincia di Alessandria, Iliad ha inviato a fine Giugno un’istanza di modifica dell’impianto esistente su un immobile sito in località Bricco Conta, con contestuale disattivazione dell’impianto di Wind Tre. Inoltre, a metà Giugno 2019, a Ravenna Iliad ha richiesto l’autorizzazione generica per installare un nuovo impianto o modificarne uno esistente, in via Basilica.

Per finire, il Comune di La Spezia ha autorizzato a fine Giugno 2019 l’installazione di un’antenna in via Della Pianta, in una struttura già esistente.

rete Iliad Olbia Roma Ravenna

Continua dunque la corsa di Iliad, che ha dichiarato l’obiettivo di raggiungere un numero compreso tra 10.000 e 12.000 siti attivi entro il 2024, anno in cui l’azienda mira anche a diventare un operatore convergente fisso-mobile.

Per raggiungere il suo scopo, il Gruppo Iliad ha anche concluso un accordo con Cellnex in Italia, che prevede la cessione delle torri all’azienda  spagnola per ottenere nuovi siti in formula build-to-suit.  Nello specifico, sul fronte italiano, l’accordo permetterà di cedere la gestione di 2200 siti a condizioni vantaggiose per Iliad, realizzando in cambio 1000 nuove torri.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.