Rimodulazioni TIM: dal 28 Aprile 2019 alcune offerte avranno un aumento di circa 2 euro al mese


Dal 28 Aprile 2019 alcuni già clienti TIM privati saranno coinvolti da una nuova rimodulazione dedicata alla propria offerta ricaricabile non più in commercializzazione. In particolare alcune offerte tariffarie ricaricabili aumenteranno di 1,99 euro al mese in più.

Dopo gli aumenti che ha coinvolto alcuni già clienti TIM dal 25 Febbraio al 25 Marzo 2019 e dopo la modifica unilaterale a partire sempre dal 28 Aprile 2019 sul nuovo meccanismo in caso di esaurimento del credito residuo, altri clienti TIM saranno coinvolti da questo aumento. Quindi chi non è stato impattato a Febbraio e Marzo 2019, potrà essere coinvolto ad Aprile e Maggio 2019.

I clienti TIM che saranno coinvolti dall’aumento mensile della propria opzione tariffaria saranno informati con una campagna comunicazionale mirata tramite SMS, con invii effettuati da oggi 28 Marzo 2019. In alternativa è possibile chiamare il numero gratuito 409168 dalla propria sim TIM, visitare la propria area clienti o chiamare il Servizio Clienti 119.

Tim

I clienti TIM che avranno l’aumento di 1,99 euro in più al mese, potranno solo su richiesta, attivare una delle seguenti promozioni: minuti illimitati a tempo indeterminato o 20 Giga al mese per 1 anno dall’attivazione. Per attivare la promozione “dolcetto“, il cliente TIM dovrà visitare la propria area clienti MyTIM Mobile o l’app MyTIM nella sezione “Offerte Per Te” oppure chiamare il numero gratuito 409168 dalla propria SIM.

   

Ecco un esempio di un probabile SMS inviato da TIM per comunicare le rimodulazioni: “Modifica contrattuale: Per esigenze legate all’evoluzione del mercato, dal 28/04/2019 la tua offerta costerà 1,99 Euro in più al mese. Solo per te […] Entro il 27/04/2019, puoi recedere o cambiare operatore, senza penali né costi di disattivazione e mantenere attiva la rateizzazione del prodotto, compilando su tim.it i moduli di “diritto di recesso” e “cessazione linea” o inviandoli via PEC a disattivazioni_clienti privati@pec.telecomitalia.it o andando nei negozi TIM. Info su tim.it/info o chiama il 409168

Qualora, il cliente TIM non dovesse accettare le modifiche proposte, avrà la facoltà di recedere senza penali entro il 27 Aprile 2019 anche tramite passaggio con portabilità ad altro gestore. Per richiedere il recesso dal contratto, è possibile compilare un modulo online all’interno del sito ufficiale di TIM. Nel caso in cui sulla linea sia presente un Prodotto in rateizzazione in corso di vigenza contrattuale (24 o 30 mesi in funzione del prodotto scelto), il cliente potrà decidere se continuare a pagare a rate il device o saldare in un’unica soluzione tutte le rate residue a scadere. Il prodotto resterà di proprietà del consumatore.

Qualora i clienti interessati non intendessero accettare le modifiche, ai sensi dell’articolo 70, comma 4 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche, potranno recedere dal contratto o passare ad altro operatore, senza penali né costi di disattivazione, dandone comunicazione a TIM entro il giorno antecedente la data di avvio della modifica contrattuale, comunicata nel testo SMS inviato al cliente con almeno 30 giorni di preavviso.

E’ possibile disattivare l’opzione tariffaria, oggetto di variazione contrattuale, mantenendo la linea mobile attiva con il proprio profilo tariffario e scegliendo di attivare nuove offerte tariffarie.

Se il cliente intenda esercitare comunque il recesso potrà compilare direttamente on line il modulo dedicato pubblicato sul sito ufficiale dell’operatore. In alternativa, è possibile scaricare, stampare e compilare il modulo, ed inviarlo all’indirizzo indicato nello stesso o tramite PEC all’indirizzo disattivazioni_clientiprivati@pec.telecomitalia.it, allegando copia della documentazione richiesta, oppure recandosi presso i negozi TIM diretti, che saranno tenuti ad inoltrarla al Customer Care di TIM. Si ricorda che i negozi diretti TIM sono quelli non in franchising o affiliati. In alternativa è possibile chiamare anche il Servizio Clienti 119 come viene indicato ufficialmente dall’operatore.

Il modulo può aiutare il cliente a gestire la richiesta di recesso, ma è sempre possibile inviare, in alternativa, una comunicazione scritta in forma libera, che dovrà, tuttavia, contenere i medesimi dati, essendo gli stessi necessari all’espletamento della richiesta. Si ricorda che, in caso il cliente TIM scelga di cessare la linea mobile, perderà definitivamente il relativo numero di telefono.

Quindi, se non si vuole perdere il numero di telefono, è consigliabile prima effettuare la richiesta di portabilità verso un altro operatore e successivamente inviare il modulo.

I Clienti TIM interessati da tali novità saranno informati, oltre IVR 409168 e SMS, anche con una campagna comunicazionale mirata tramite WEB con un’informativa pubblicata nella pagina “Per i Consumatori Comunicazioni importanti“, cliccando nella sezione mobile “News e Modifiche contrattuali” del sito ufficiale dell’operatore e Servizio Clienti 119 in cui gli addetti alla risposta sono a disposizione per fornire tutte le informazioni di dettaglio personalizzate.

Il 10 Febbraio 2019 MondoMobileWeb scriveva che l’obiettivo dei principali operatori di telefonia mobile è quello di aumentare l’ARPU e questo ogni giorno si fa più concreto.

Come è stato dimostrato in alcuni recenti studi, con l’arrivo del nuovo operatore iliad e con gli ultimi investimenti per il 5G, l’ARPU è risultato più indebolito rispetto gli anni precedenti. Con il termine ARPU (Average Revenue Per Unit) si fa riferimento ai ricavi medi per il singolo utente.

Le attuali offerte in commercio sono in aumento rispetto all’effetto “novità iliad” dei mesi scorsi e molti più clienti sono coinvolti da nuove rimodulazioni tariffarie. Le sorprese negative purtroppo non sono ancora finite da parte dei principali operatori di telefonia mobile e MondoMobileWeb cercherà di informare i lettori come sempre.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.