AGCOM: TIM manterrà il potere di mercato dominante anche con lo scorporo della rete


L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, nella delibera numero 613/18/CONS pubblicata Venerdì 18 Gennaio 2019 sul proprio sito ufficiale, avvia la consultazione pubblica nazionale sull’analisi coordinata dei mercati dei servizi di accesso alla rete fissa. L’analisi tiene conto del progetto di separazione legale volontaria notificato da TIM per lo scorporamento della sua rete.

Il progetto di TIM prevede la creazione di una società separata (denominata “NetCo“) controllata al 100% da TIM, ma gestita da organi direttivi distinti con pieni poteri esecutivi.

NetCo, secondo il progetto per lo scorporo della rete, sarà titolare degli asset materiali (es. infrastrutture passive, apparati della rete di accesso, proprietà immobiliari) ed immateriali (esempio: proprietà intellettuali), nonché delle risorse umane, necessari alla realizzazione, gestione, manutenzione e fornitura della rete di accesso, sia in rame, sia in fibra, inclusi gli apparati attivi necessari all’erogazione dei servizi VULA e Bitstream (mediante impiego anche di asset e servizi erogati da ServCo).

Le risorse e attività di TIM non conferite a NetCo resteranno nella Società, denominata “ServCo”. NetCo sarà attiva come operatore “wholesale only” e fungerà da punto di accesso “onestop shop”, per i servizi wholesale, sia regolati che non regolati, destinati a tutti gli attori del mercato: Altri Operatori Autorizzati e ServCo.

Secondo TIM: “La creazione di NetCo avrà un impatto minimo sui sistemi e sui processi attualmente utilizzati dagli altri Operatori per acquisire i servizi wholesale, in quanto la nuova società continuerebbe ad utilizzare i medesimi processi e sistemi attualmente in uso, facendoli evolvere solo ove strettamente necessario. La nuova società garantirà, inoltre, gli investimenti necessari all’ammodernamento continuo delle infrastrutture di accesso, attraverso l’utilizzo delle più innovative soluzioni tecnologiche. Grazie alla propria mission focalizzata sugli investimenti e sulla gestione ottimale delle risorse della rete di accesso, NetCo assicurerà un livello sostenibile di investimenti infrastrutturali, tale da assicurare la progressiva copertura in banda ultra larga del territorio nazionale, contribuendo in maniera decisiva alla digitalizzazione del Paese, anche grazie al completamento e all’evoluzione della rete di nuova generazione in diverse aree del Paese (esempio: Vectoring, G-FAST, FTTB ed FTTH).

   
Scorporamento della rete

Schema semplificato del perimetro di rete della nuova società NetCo controllata da TIM.

NetCo intende offrire, senza discontinuità per gli operatori, l’intera gamma dei servizi wholesale regolati offerti attualmente da TIM, che potranno essere erogati sia attraverso asset rientranti nel perimetro NetCo sia utilizzando servizi ed asset di ServCo.

Ecco gli asset che dovrebbero essere conferiti a NetCo:

  • Circa 10.400 centrali indoor;
  • Circa 107.600 km di cavo in fibra ottica per complessivi 7,3 M.ni di km di fibra posata;
  • Circa 8,5 M.ni di pali;
  • Circa 150.000 armadi ripartilinea, di cui 111.000 Armadi passed raggiunti dalla fibra ottica in primaria;
  • Circa 269.000 ROE (Ripartitori Ottici di Edificio) installati presso gli stabili che consentono il collegamento dei clienti in tecnologia FTTH;
  • Circa 90.000 ONU CAB in sopralzo.

Apparati totali: circa 36.000 DSLAM; circa 3.000 OLT; circa 1600 Kit VULA e circa 1.500 ONU FTTE in centrale.

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM), tenendo in massima considerazione gli orientamenti, ha valutato il grado di concorrenza dei mercati rilevanti analizzando il livello e l’andamento delle quote di mercato degli operatori, innanzitutto nei mercati al dettaglio dei servizi di accesso alla rete fissa.

Le valutazioni svolte confermano le conclusioni raggiunte nella precedente analisi di mercato, ossia che, fatto salvo il comune di Milano, nel mercato dei servizi di accesso locale all’ingrosso e nel mercato dei servizi di accesso centrale all’ingrosso per i prodotti di largo consumo non sussistono condizioni di concorrenza effettiva e che TIM detiene un significativo potere di mercato in entrambi i mercati rilevanti.

Sovrapposizione geografica dei servizi di accesso wholesale di TIM

L’Autorità dichiara che sebbene i mercati dei servizi di accesso all’ingrosso stiano vivendo un momento di forte dinamismo concorrenziale, nuove dinamiche competitive non potranno esercitare un’effettiva pressione competitiva nei confronti di TIM.

Ecco le principali motivazioni:

  • TIM detiene un’elevata quota di mercato. Nei corrispondenti mercati dei servizi di accesso al dettaglio alla rete fissa, la quota di mercato di TIM continua ad essere significativa;
  • Nonostante gli investimenti in corso in reti da parte di altri operatori, non si svilupperà un’infrastruttura comparabile, per copertura, a quella in rame e rame/fibra dell’incumbent in ambito nazionale;
  • TIM continua a godere di significativi vantaggi competitivi in termini di maggiori economie di scala e di diversificazione in quanto, sebbene tali economie siano realizzabili anche dagli operatori alternativi nelle aree in cui sono presenti, TIM risulta essere comunque l’operatore in grado di beneficiarne maggiormente grazie ad una consolidata base di clienti retail e wholesale. Le proiezioni sulla domanda, riportate nell’annesso relativo al modello di costo, confermano una lieve flessione di tale valutazione atteso che, tanto le reti FWA quanto le reti FTTH alternative, sono in grado di sottrarre all’incumbent una quota di mercato che, tuttavia, non appare ancora determinante al fine di modificare la conclusione di questa analisi;
  • L’elevato grado di integrazione di TIM in più mercati contigui conferisce alla stessa un ulteriore vantaggio competitivo;
  • I richiedenti servizi di accesso non sono in grado di esercitare un contropotere di acquisto tale da neutralizzare il potere di cui dispone TIM.

L’Autorità dichiara nelle sue analisi: “Sebbene il progetto di separazione legale volontaria della rete fissa di accesso di TIM riduca significativamente le principali problematiche competitive connesse all’integrazione verticale dell’operatore, quali in particolare l’adozione di condotte discriminatore nelle condizioni economiche e tecniche di fornitura dei servizi di accesso all’ingrosso, permangono elementi di integrazione verticale che possono conferire, allo stesso, un notevole vantaggio competitivo, non replicabile dal principale concorrente appena entrato nel mercato, essendo un operatore solo wholesale. Le valutazioni non possono essere confermate nel Comune di Milano laddove, in entrambi i mercati in esame, nessun operatore detiene una quota di mercato assimilabile ad una posizione di significativo potere di mercato e il principale concorrente all’ingrosso è in grado di beneficiare di economie di scala comparabili con quelle di TIM. La copertura di Open Fiber è, parimenti, confrontabile con quella di TIM non disponendo, pertanto, quest’ultima il controllo esclusivo di infrastrutture difficili da duplicare. Gli altri operatori di rete fissa, diversa da TIM, vendono servizi al dettaglio stabilmente o autoproducendo i servizi di accesso o acquistando servizi all’ingrosso sia da TIM che da Open Fiber potendo esercitare, in tal modo, un notevole contropotere di acquisto”.

Secondo i dati riportati, è presente un maggior grado di competizione, rispetto alla media nazionale, nelle centrali dove sono presenti le reti FTTH alternative come Open Fiber.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.