Ricarica Tim: ecco le innumerevoli modalità offerte dall’operatore ai propri clienti


Sono parecchie le modalità di ricarica attualmente disponibili per i clienti mobili dell’operatore telefonico Tim. Si passa dalla ricarica online, a quella tramite ente bancario fino ad arrivare alla tradizionale ricarica presso i punti vendita, passando per alcuni particolari servizi come Tim Automatica ed SOS Ricarica

Ricarica nei punti vendita

Si può ricaricare presso tutti i negozi TIM, le ricevitorie Lottomatica e Sisal, le tabaccherie convenzionate con Banca ITB, presso le casse di alcuni supermercati o dei punti vendita specializzati autorizzati, tramite la classica Ricaricard e PosTim.

La ricarica alla cassa è effettuabile nei punti vendita delle seguenti insegne: Auchan, Carrefour, Cadoro, Conad, Coop, DìperDì, Esselunga, Il Gigante, Iper, Iperal, Marco Polo Expert, Mediaworld, Pam e Panorama, Poli, Saturn, SMA, Supermedia, Euronics, Unieuro e tante altre catene di supermercati e punti vendita specializzati. E’ disponibile nei tagli da 5, 10, 20, 30, 50 e 100 euro (IVA inclusa).

   

Bisogna prendere il coupon del taglio di ricarica al quale si è interessati, situato in avancassa o presso il reparto telefonia del punto vendita, consegnarlo alla cassa come un normale acquisto, cosi che l’operatore di cassa lo possa inserire nella spesa. Dopo il pagamento il cliente riceve lo scontrino contenente un codice Pin di 16 cifre che serve per ricaricare la SIM.

A questo punto per completare la procedura si può chiamare gratuitamente il 40916 e seguire le indicazioni della voce guida, o accedere all’area MyTIM Mobile dal sito ufficiale dell’operatore o dall’App e visitare la sezione servizi, ricarica e selezionare la voce Ricaricard, dopo aver effettuato il login. O in alternativa si può anche inviare un SMS al numero 40916 dopo aver digitato​ RIC, uno spazio, e il PIN di 16 cifre trovato sullo scontrino.

Per quanto riguarda Ricaricard, si tratta di una scheda prodotta da TIM contenente del traffico preacquistato utilizzabile per ricaricare il proprio credito telefonico. E’ in vendita in diversi tagli (a partire da 5 euro) e la si può acquistare, oltre che nei Negozi TIM, anche nelle edicole, nei bar, nei supermercati, nei tabacchi e nelle aree di servizio.

PosTIM è il servizio che permette di ricarica il proprio numero in modo semplice e veloce dai svariati punti vendita abilitati al servizio (PuntoLIS, Bar, Tabaccherie, Ricevitorie Lotto e Ricevitorie Sisal-Superenalotto, Edicole, Aree di Servizio, Autogrill, Phone Center ed Internet Point). Basta far digitare all’operatore, sulla tastiera dell’apposito terminale, il numero del telefono da ricaricare e l’importo della ricarica prescelta e dopo una verifica iniziale dei dati inseriti si riceverà uno scontrino non fiscale riportante i dati dell’operazione di ricarica. Presso i punti vendita con PosTim si possono ricaricare tagli da 5 fino a 200 euro (IVA inclusa).

Ricarica tramite enti bancari

PagoBancomat: servizio che permette di ricaricare la propria SIM direttamente dagli sportelli automatici delle banche abilitate al servizio: Banche del Gruppo Intesa Sanpaolo, Gruppo Unicredit Banca, Gruppo Cariparma, Gruppo MPS, Gruppo Istituto Centrale Banche Popolari, Gruppo Istituto Centrale Credito Cooperativo, Banca delle Marche, Banca di Credito di Saluzzo, Poste Italiane, BNL, Gruppo Cassa Centrale Raiffeisen A.A., Gruppo Cassa Centrale delle Casse Rurali Trentine, Credito Emiliano, Deutsche Bank, Ing Direct e del Gruppo UBI Banca.

L’operazione prevede l’utilizzo dello sportello bancomat di uno degli Istituti abilitati al servizio, anche diverso da quello della propria banca, l’inserimento della carta PagoBancomat e del relativo codice Pin, l’accesso alla sezione Ricariche visualizzata sul display, la selezione dell’operatore (Tim in questo caso) e l’inserimento del numero di cellulare da ricaricare e del taglio desiderato. I tagli disponibili partono da 10 euro e arrivano fino a 255 euro (IVA inclusa).

Postamat e Postepay: il cliente può ricaricare dallo sportello ATM con le proprie carte Postepay e Postamat, emesse da BancoPosta, recandosi presso uno dei circa 2600 sportelli Postamat o presso gli sportelli POS degli Uffici Postali abilitati. I tagli in questo caso sono: 10, 15, 20, 30, 50, 80, 100 e 150 euro (IVA inclusa).

Web banking: servizio utilizzabile in qualunque momento, collegandosi al sito web della propria banca, da tutti coloro che possiedono un conto corrente abilitato alle operazioni online. Si può effettuare la ricarica presso i siti web ufficiali delle banche abilitate al servizio: Banche del Gruppo Intesa Sanpaolo, Gruppo Unicredit Banca, Gruppo Cariparma, Gruppo MPS, Gruppo Istituto Centrale Banche Popolari, Gruppo Istituto Centrale Credito Cooperativo, Banca delle Marche, Banca di Credito di Saluzzo, Poste Italiane, BNL, Gruppo Cassa Centrale Raiffeisen A.A., Gruppo Cassa Centrale delle Casse Rurali Trentine, Credito Emiliano, Deutsche Bank, Ing Direct, Mediolanum, Fineco, Santander Private Banking e del Gruppo UBI Banca.

Dopo aver effettuato l’accesso alla propria area del conto corrente online, scegliere nel menu la ricarica Tim e digitare il numero da ricaricare scegliendo il taglio desiderato, ed infine confermare i dati inseriti. Con il proprio conto corrente online si possono effettuare ricariche con i tagli disponibili a partire da 10 euro fino a 255 euro (IVA inclusa). Accedere al sito della propria banca per scoprire tutti i tagli di ricarica disponibili.

Web carte di credito: i clienti Tim titolari di carta di credito American Express, CartaSì, Deutsche Bank e Compass, iscritti ai servizi online, possono anche ricaricare, in qualsiasi momento, semplicemente collegandosi al sito web della propria carta di credito.

I tagli di ricarica sono i seguenti: American Express (10, 15, 30, 50, 80, 100, 130 e 155 euro), CartaSi (30, 50 e 80 euro), Deutsche Bank (30, 50, 80, 100, 130, 155, 205 e 255 euro), Compass (20, 30, 50, 80 e 100 euro). Tutti i prezzi sono IVA inclusa.

Call center carte di credito: se si è possessori di carta di credito abilitata al servizio di ricarica TIM (Carta Aura, Diners, CartaSì, American Express, BankAmericard, Carta Attiva – Agos), telefonando al call center si può ricaricare il numero di telefono.

Per tutti i dettagli su come sfruttare il servizio per ognuno degli enti sopra elencati, si consiglia la lettura della pagina dedicata, presente sul sito ufficiale dell’operatore.

 

Ricarica online

Per effettuare ricariche direttamente dal sito TIM o da app MyTIM Mobile. Nel dettaglio si può optare per tre diverse metodologie: con autenticazione su sito ufficiale TimSenza autenticazione e da app.

Con autenticazione: tutti coloro che sono registrati al sito possono scegliere l’importo da ricaricare, inserire i dati della propria carta di credito, dei circuiti American Express, Diners, Aura, Visa, Mastercard, PayPal, e la ricarica è subito effettuata.

Senza autenticazione: per ricaricare il proprio cellulare senza bisogno di registrarsi al sito. Basta utilizzare la propria carta di credito personale o Paypal, inserire il numero e  scegliere il taglio. (I circuiti abilitati per la carta di credito sono: Visa, Mastercard, American Express, Diners, carta Aura e PayPal).

Da app MyTIM Mobile: per ricaricare la SIM da app in modo semplice e veloce. Anche qui la carta di credito deve essere dei circuiti Visa, Mastercard, American Express, Diners, carta Aura e PayPal.  Si può anche inserire il codice della propria Ricaricard.

Servizi SOS

Fa parte di questa categoria, SOS ricarica, il servizio che consente di ricevere del credito in anticipo da Tim per comunicare, anche quando sulla propria SIM non c’è credito o questo non è sufficiente per il rinnovo dell’offerta.

L’importo della ricarica, con aggiunto il costo del servizio di 1,50 euro, viene poi scalato da Tim alla prima ricarica effettuata dal cliente. L’importo della ricarica effettuata successivamente, dovrà essere almeno pari a quello ricevuto con la SOS Ricarica con aggiunti 1,50 euro.

Per usufruire del servizio basta chiamare il numero gratuito 40916 e, dopo aver ascoltato il proprio Credito disponibile, seguire le istruzioni della voce guida per richiedere una SOS Ricarica, o in alternativa rispondere Si all’SMS ricevuto dall’operatore, per proporre l’SOS ricarica più adatta alle proprie esigenze, quando il credito posseduto non è più sufficiente per utilizzare i servizi sul proprio numero o il giorno precedente il rinnovo di un’offerta o opzione.

Non è possibile richiedere il servizio se il cliente non ha effettuato almeno 3 ricariche dal momento dell’attivazione, se non è ancora stato restituito tutto l’importo della precedente SOS ricarica e se si utilizza la ricarica automatica o si ha la domiciliazione dei costi su carta di credito.

SOS Ricarica determina la proroga della durata della Tim Card di 13 mesi, ma nel corso del tredicesimo mese, il servizio funzionerà solo per la ricezione delle chiamate e dei messaggi.

È pure disponibile PayForMe, che permette di effettuare una chiamata anche senza credito telefonico. Si tratta infatti di un servizio dedicato ad abbonati e prepagati, che permette di addebitare il costo della telefonata ad un cliente abbonato o prepagato Tim o a un numero di rete fissa Telecom Italia. Il cliente può addebitare o ricevere in addebito una chiamata anche da un cliente Vodafone Italia o Wind.

Quando si chiama basta digitare il 4088 prima del numero che si vuole telefonare, mentre quando si riceve una chiamata tramite Tim 4088 PayForMe, alla risposta si verrà subito informati del fatto che un cliente ha richiesto l’addebito della telefonato sul credito o sulla bolletta del destinatario. A questo punto si può accettare o rifiutare la telefonata.

Sono inoltre disponibili i due servizi PayForMe Express Cerca per me, che permettono di usufruire del servizio di addebito ad altri clienti in modo più rapido ed automatico.

Ogni opzione ha un costo di attivazione una tantum di 6 euro (IVA inclusa). I costi delle chiamate ricevute e accettate con Tim 4088 PayForMe, sono rispettivamente di 40 centesimi di euro al minuto per addebito su credito residuo e di 30 centesimi di euro per addebito sul fisso.

Si specifica che, per gli abbonati l’importo fatturato sarà pari a 0,4026 euro (IVA inclusa), che la tariffa è sempre a scatti di 60 secondi anticipati, e che per ciascuna chiamata è previsto un costo per lo scatto alla risposta pari a 40 centesimi di euro (IVA inclusa), comprensivi dei primi 5 secondi di conversazione.

Nel caso in cui si è cliente fisso, il costo della telefonata viene conteggiato sugli effettivi secondi di conversazione, per ogni chiamata è previsto un costo per lo scatto alla risposta pari a 30 centesimi di euro (IVA inclusa), comprensivi dei primi 5 secondi di conversazione e per i secondi successivi il costo è di 30 centesimi di euro (IVA inclusa) al minuto.

PayForMe funziona anche se ci si trova all’estero e si vuole chiamare un numero Tim che si trova in Italia ed i numeri di rete fissa di Telecom Italia.

Non finisce qui però: sono infatti utilizzabili per clienti Tim ricaricabili anche i servizi Ti Ricarico di Tim Paghetta che permettono di trasferire una parte del proprio credito residuo ad un altro numero Tim ricaricabile.

Nel dettaglio, con Ti Ricarico di Tim il cliente trasferisce una parte del proprio credito residuo ad un altro numero ricaricabile Tim. Basta scegliere l’importo da trasferire ed inserire il numero telefonico Tim al quale si vuole fare il regalo. Mentre con Paghetta si imposta un trasferimento automatico dal proprio credito residuo ad intervalli di 7, 15 o 30 giorni. L’importo trasferibile è pari a 2, 5, 10 o 15 euro.

Il servizi sono utilizzabili direttamente online, chiamando il numero 40916 o il Servizio Clienti 119. Ciascuna operazione di trasferimento con Ti Ricarico di TIM ha un costo di 1 euro. Lo stesso vale per la modalità Paghetta utilizzata attraverso il Servizio Clienti 119, che diventa però di 50 centesimi di euro se sfruttata direttamente online o chiamando il numero 40916.

Si specifica che l’importo massimo di trasferimento di denaro è pari a 30 euro, indipendentemente dal numero di operazioni, sia per chi effettua un trasferimento di credito residuo sia per chi lo riceve, che è possibile creare ed avere attivi contemporaneamente fino a 2 servizi Paghetta, che non si può ricevere il servizio Paghetta da più di 1 un numero contemporaneamente, che questo rimane attivo per un periodo massimo di 6 mesi dal momento dell’attivazione (lo si può comunque disattivare in qualunque momento prima della scadenza), e che per poter usufruire dei due servizi occorre avere un credito residuo superiore al valore del taglio da trasferire incrementato di 2 euro per il servizio Ti Ricarico di Tim e di 1,50 euro per il servizio Paghetta.

Importante ricordare inoltre che, il trasferimento del credito in modalità Paghetta avviene il giorno successivo a quello pianificato dal cliente, che la ricarica ricevuta mediante i due servizi in questione non è cumulabile con qualsiasi altra promozione e che il loro utilizzo determina la proroga della durata della Tim Card, che riceve il credito, di 13 mesi decorrenti dalla data in cui avviene il trasferimento stesso. Nel corso del tredicesimo mese il servizio funzionerà solo per la ricezione delle chiamate e dei messaggi.

tim ricarica automatica disclaimer

Altri servizi 

Ci sono inoltre, Tim Automatica che permette di pianificare le ricariche secondo le proprie esigenze, e Passepartout, per i clienti Tim possessori di una carta di credito.

Passepartout è una soluzione che, semplicemente digitando il proprio PIN e autorizzando così l’addebito sulla carta di credito, consente di ricaricare il proprio telefonino quando e dove si vuole, acquistare le offerte promozionali e attivare il servizio di Ricarica Automatica.

Gli acquisti tramite Passepartout vengono addebitati sulla carta di credito e Tim gestirà un plafond di spesa mensile pari a 500 euro (IVA incusa). E’ possibile registrarsi su Passepartout una sola volta con la stessa carta di credito, e uno stesso cliente TIM può essere abbinato al massimo a due carte di credito con profili Passepartout diversi.

Mediante l’abbonamento al suddetto servizio, il cliente può acquistare i servizi TIM via 40916 o direttamente online dal sito ufficiale, con la possibilità di addebitarne il costo sulla propria carta di credito digitando semplicemente un Pin.

Per poter sottoscrivere on line Passepartout si deve essere cliente ricaricabile, avere una carta di credito CartaSi, American Express, BankAmericard e Carta Aura di Findomestic e ci si deve autenticare attraverso le proprie credenziali Tim.

Per qualsiasi tipo di informazione più dettagliata riguardante i servizi offerti d Tim per ricaricare il credito delle SIM, si invitano gli utenti a visitare il sito ufficiale dell’operatore.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.