Call Center: alcuni consumatori contattati per false rimodulazioni tariffarie di telefonia fissa


Sono diverse le segnalazioni di chi viene contattato e avvisato di presunti aumenti del prezzo della bolletta di telefonia fissa. Alcuni clienti sarebbero stati allertati da presunti operatori commerciali circa una presunta rimodulazione delle condizioni contrattuali di contratto della propria offerta.

Le denunce giunte in redazione provengono particolarmente da alcuni clienti Vodafone, ma sembra che il fenomeno coinvolga anche chi ha firmato un contratto con altri operatori.

Contestualmente, o a distanza di poco tempo, chi è vittima dell’informazione ingannevole si vede proporre una nuova offerta, più conveniente rispetto a quella che pagherebbe se rimanesse con l’attuale operatore, incentivato a farlo in virtù della possibilità di esercitare il diritto recesso gratuito per modifiche contrattuali unilaterali.

Le segnalazioni stanno aumentando negli ultimi giorni, e tra i numeri di telefono da cui queste chiamate provengono è possibile per adesso individuarne due: il numero 0119966443 e il 0311100190. Sono numerazioni di telefonia fissa identificativi rispettivamente del distretto di Como e di quello di Torino.

In basso, un esempio di un post di un utente Vodafone, che racconta di aver ricevuto una telefonata in cui un consulente propone delle offerte alternative. In questo caso specifico, l’utente viene contattato per un guasto mai segnalato e, con la scusa di un’ipotetica multa ai danni di Vodafone, viene preannunciata una gravosa rimodulazione per il cliente. Così, il consulente può proporre tariffe degli altri gestori, sfruttando informazioni non veritiere.

   

Un consumatore su Facebook racconta la propria esperienza

Innanzitutto è doveroso ricordare che Vodafone, così come gli altri operatori, non ha dato alcuna comunicazione circa presunte prossime modifiche contrattuali.

Nessuna fattura infatti preannuncia rimodulazioni in arrivo (l’ultima, sempre nel caso di Vodafone, è entrata in vigore ad inizio Novembre 2018). Nel caso ci si accorgesse dell’inganno, ciò che può essere possibile e socialmente utile fare in queste situazioni è denunciare la questione all’operatore con cui si ha sottoscritto il contratto, o in genere alle associazioni dei consumatori.

Nel caso specifico dei clienti Vodafone, è possibile contattare l’assistente digitale Tobi per aprire una segnalazione semplicemente inviando un messaggio con scritto “Reclamo”.

Call Center rimodulazioni

Ad ogni modo, per una maggiore sicurezza è sempre conveniente chiedere con chi si stia parlando e per conto di chi queste informazioni provengano (spesso si dà per scontato che si stia parlando con il call center del proprio gestore) e soprattutto contattare di persona il servizio clienti del proprio operatore una volta terminata la chiamata.

Questo caso si aggiunge a quello dei finti operatori che contattano gli utenti tramite whatsapp per chiedere dati personali. Negli ultimi giorni si riscontra sul web un moltiplicarsi di tali segnalazioni.

Si ringraziano Gioser e Simone per la segnalazione.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.