Striscia La Notizia denuncia le attivazioni di sim ricaricabili intestate ad altre persone


Nella puntata di oggi 6 Novembre 2018 il programma televisivo Striscia la Notizia di Canale 5, in onda da 30 anni, ha deciso di dedicare un servizio sulle attivazioni di nuove sim ricaricabili intestate ad utenti ignari.

Durante il servizio non è stato mai specificato direttamente il nome dell’operatore, ma si riesce a capire che si tratta di LycaMobile.

Nel servizio di Striscia La Notizia viene indicato il seriale della sim 893935 di LycaMobile

Non è la prima volta che succedono casi del genere, anche la trasmissione “Le Iene” di Italia 1 del 15 Febbraio 2017 si era occupata di questo caso. Nel corso del tempo il servizio clienti dell’operatore virtuale di telefonia mobile LycaMobile, che utilizza la rete Vodafone, ha comunicato che la colpa non è dell’operatore, ma di alcuni rivenditori scorretti.

Negli ultimi mesi LycaMobile ha inserito il limite massimo di 4 sim per ogni codice fiscale. Molte volte se il cliente LycaMobile decide di cambiare operatore, il limite di 4 sim rimane anche se le sim non sono più attive.

   

I clienti e gli ex clienti LycaMobile possono richiedere in qualsiasi momento all’operatore la lista delle SIM intestate a proprio nome. Per farlo è necessario contattare il servizio clienti multilingue al numero gratuito 40322 da una sim LycaMobile o il numero numero 0645212322 da un’altra linea. In alternativa è possibile anche scrivere all’operatore via email a cs@lycamobile.it

Ecco un esempio:

“Il\la sottoscritto\a (Nome Cognome), nato\a a (città) il XX/XX/XXXX codice fiscale XXXXXX00X00X000X, titolare dell’utenza telefonica LycaMobile 3XX/XXXXXXX  [attiva/non più attiva] richiede l’elenco completo delle utenze attive o non più attive ad egli intestate.
Inviate, questo elenco delle sim intestate a me, tramite e-mail a XXXXXXXXXX oppure tramite posta al mio indirizzo XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX.
Allego, alla presente, fotocopia della mia carta d’identità onde consentivi il corretto riconoscimento. Certo di un Vs pronto riscontro, porgo i miei più cordiali saluti.”

Il consumatore può compilare e inviare anche il modulo “Esercizio di diritti in materia di protezione dei dati personali” (ecco link diretto) presente all’interno del sito del Garante della Privacy, da inviare a LycaMobile, titolare del trattamento dei dati personali.

Questo modulo può essere utile anche a chi non è mai stato cliente LycaMobile e vuole sapere se i propri dati sono presenti nei loro database.

Il metodo, consigliato da MondoMobileWeb, per conoscere l’elenco completo delle utenze attive può essere utile anche con qualsiasi operatore nazionale.

Il consumatore può inoltrare questi moduli, per conoscenza, anche al Garante della Privacy (urp@gpdp.it) e all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazione info@agcom.it

Se il consumatore possiede una Posta Elettronica Certificata, è possibile inviare tutta la documentazione anche via PEC all’indirizzo info.lycamobile@pec.it e, per conoscenza, a protocollo@pec.gpdp.it (Garante della Privacy) e agcom@cert.agcom.it (Agcom).

Se qualsiasi operatore non invia l’elenco richiesto, il consumatore può rivolgersi al Garante della Privacy per lamentare una violazione della disciplina in materia di protezione dei dati personali (art. 141, comma 1, lett. a) del Codice Privacy) e di richiedere una verifica dell‘Autorità.

E’ possibile inviare anche una segnalazione all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazione (AGCOM) che è l’organo che regolamenta i contenziosi. E’ possibile presentare una denuncia all’Autorità compilando il modulo D. Il modello D è lo strumento messo a disposizione dall’Autorità, per denunciare le violazioni della normativa vigente da parte degli operatori di telecomunicazioni e di pay tv.

Se qualsiasi consumatore verifica di possedere dei numeri di telefono da lui sconosciuti, deve richiedere il disconoscimento della SIM al Servizio Clienti LycaMobile, in più segnalare tutto al Garante della Privacy per la violazione del Codice in materia di protezione dei dati personali (d.lg. 30 giugno 2003, n. 196) e per conoscenza, all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazione (AGCOM).

L’attivazione di sim ricaricabili in Italia, secondo la Legge Pisanu del 2005, prevede l’obbligatoria identificazione del titolare di una Sim per mezzo di un documento di identità valido. L’assegnazione di una Sim equivale quindi all’apertura di una linea telefonica, e va disciplinata secondo la legge vigente.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.