Tiscali: al via la cessione a Fastweb di uno dei suoi rami. FISTel chiede garanzie per i lavoratori


E’ stata recentemente ufficializzata la cessione di una parte dell’azienda Tiscali, ovvero il reparto Tecnichal Unit LTE, a Fastweb. Tale cessione abbraccia l’intero settore, dai trentaquattro dipendenti, alle torri e alle tecnologie, che interamente saranno cedute alla nuova azienda.

Lo comunica ufficialmente FISTel-CISL, la federazione informazione spettacolo e telecomunicazioni, con un comunicato stampa di giorno 23 Ottobre 2018, a seguito dell’incontro avvenuto il giorno precedente a cui ne farà seguito un altro, previsto giorno 30 Ottobre 2018. In tale data l’accordo verrà concluso e sottoscritto per poi essere trasferito al MISE, così da permettere l’avvio della procedura di amministrazione che riguarda, in particolar modo, la cessione delle frequenze.tiscali

Quanto avvenuto era già atteso, dal momento che erano stati avviati dei procedimenti tra Tiscali e Fastweb già da alcuni mesi, cioè a partire da Luglio 2018, quando era stato siglato un accordo strategico tra le due aziende.

Presso il MISE si è tenuto, sempre nella giornata del 24 Ottobre 2018, un incontro che ha chiarito il piano industriale di Tiscali, che però si trova ancora in fase di stesura. L’azienda inoltre ha richiesto ulteriore tempo per concludere i dettagli per la presentazione ufficiale del piano industriale.tiscali

A tal proposito la FISTel-CISL ha sottolineato l’importanza della questione relativa all’occupazione e ai seicentocinquanta impiegati di Tiscali nella città di Cagliari, così che i posti di lavoro vengano difesi. La motivazione di tale interesse è riscontrabile nella difficoltà che il mercato del lavoro di tale territorio porrebbe davanti agli interessati nel caso in cui dovessero ricercare delle alternative valide a Tiscali.

   

FISTel-CISL ha quindi chiesto che le risorse derivanti dalla vendita delle frequenze a Fastweb vengano utilizzate per il rilancio  della stessa azienda a partire dall’incremento delle sue attività.tiscali

Il successivo incontro che servirà per la definizione del Piano Industriale di Tiscali è stato fissato al 22 Novembre 2018 presso la sede ministeriale, venendo quindi incontro alle necessità dell’azienda.

A sua volta Tiscali ha annunciato, attraverso un proprio comunicato stampa, l’interruzione delle negoziazioni con gli azionisti principali della società, ovvero ICT e Sova Disciplined Equity Fund, relativamente alla sottoscrizione di un prestito obbligazionario.

Si ricorda che al momento della firma del Luglio 2018 erano stati presentati dei vantaggi che avrebbero interessato entrambe le società, Tiscali da una parte e Fastweb dall’altra. La prima infatti prevedeva l’accesso all’infrastruttura in Fibra di Fastweb, con la possibilità di poter fornire ai propri clienti servizi LTE FWA, così da ridimensionare il digital divide ed incrementare la copertura di rete fissa.

Fastweb invece avrebbe avuto modo di rafforzare la sua strategia relativa alla convergenza tra rete fissa e rete mobile, grazie alle nuove possibilità presentate dall’accesso allo spettro della banda 3,5 Ghz e quindi di migliorare le offerte relative alla connessione a banda larga.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.