Accordo Fastweb-Tiscali: le Segreterie Nazionali richiedono un confronto al MiSE


Giorno 30 Luglio 2018 è stato firmato da Fastweb e Tiscali un accordo finalizzato a rafforzare quello che le due aziende avevano già varato nell’anno 2016. Questa nuova firma ha ricoperto rilevanza strategica per entrambe le società, dato che garantisce a Fastweb, tra le altre cose, l’ottenimento della licenza per 40 Mhz nella banda 3.5 Ghz.

L’accordo ha però causato la nascita di preoccupazioni da parte delle Segreterie Nazionali e Territoriali SLC CGIL FISTEL CISL UILCOM UIL e delle RSU, che hanno chiesto un incontro, avvenuto in data 7 Agosto 2018 a Cagliari, con l’Amministrazione Delegato di Tiscali Alex Kossuta.

Durante l’incontro quindi sono state affrontate le problematiche derivanti dall’accordo firmato a fine Luglio con Fastweb che prevede, in favore di quest’ultima, la cessione delle infrastrutture di rete wireless e della titolarità dello spettro 3.5 GHZ.

La preoccupazione principale delle Segreterie Nazionali riguarda soprattutto le prospettive industriali che i risultati dell’accordo potrebbero far derivare, in particolar modo riguardo alla tutela del perimetro occupazionale, delle attuali sedi e del suo stesso profilo di attività.

A detta delle Segreterie, tali preoccupazioni sarebbero confermate da un’affermazione dell’amministratore delegato, che aveva prospettato una Tiscali “competitiva, agile e snella”.

   

Kossuta, CEO di Tiscali, in occasione della firma, aveva anche affermato:

“Questo accordo rappresenta una grande opportunità per aumentare e migliorare la presenza sul mercato di Tiscali. Oltre ai servizi LTE Fixed Wireless, l’azienda espanderà rapidamente la propria copertura a banda ultra larga in tutta Italia, senza costi aggiuntivi e sarà in grado di riposizionarsi per perseguire i propri obiettivi strategici in modo più efficiente ed efficace”

Il valore dell’accordo ammonta a circa centocinquanta milioni di euro e la transazione, finanziata da Fastweb con proprie risorse, deve essere approvata da parte delle autorità competenti per poi essere soggetta all’introduzione di un piano di risanamento da parte di Tiscali Italia.Accordo Fastweb Tiscali

Le Segreterie Nazionali hanno quindi riaffermato, vista la complessità dell’operazione e le relative implicazioni, il bisogno di un confronto presso il Ministero dello Sviluppo Economico.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.