Corte di Giustizia Europea: la fornitura di Sim con servizi preattivati è considerata pratica sleale


Nei giorni scorsi è stata emessa dalla Corte di Giustizia Europea un’importante sentenza riguardante la pratica messa in atto dagli operatori telefonici che forniscono insieme alle Sim dei servizi preattivati.

Questa consuetudine è stata definita scorretta ed aggressiva dalla Corte di Giustizia ed è stata classificata propriamente come “fornitura non richiesta”, questa infatti è stata in grado di ledere il fondamentale diritto degli utenti secondo cui questi dovrebbero ricevere un’informazione trasparente, sotto ogni punto di vista, relativamente ai prodotti acquistati e alle loro caratteristiche.Corte di Giustizia

Alla luce di ciò, la Corte di Giustizia ha anche ribadito che sia competenza dell’Antitrust l’emissione di sanzioni relative a tale infrazioni.

Grazie a questa sentenza della Corte inoltre viene anche consolidato quanto era già stato affermato nel 2012 in occasione della multa che l’AGCM aveva disposto contro gli operatori Tim, Wind e Vodafone, con conseguente conclusione di una discussione di ormai lunga durata. Al tempo in cui la multa era stata comminata infatti, il Tar della regione Lazio aveva annullato le multe per un vizio di competenza, supponendo che dovesse essere l’AGCOM e non l’AGCM a disporle.Corte di giustizia

Il Consiglio di Stato ribaltò poi quest’indicazione, dichiarando che la competenza dell’Antitrust riguardo alle pratiche commerciali scorrette si estendeva anche al campo delle telecomunicazioni. A seguito di tale dichiarazione quindi la Corte di Giustizia Europea è stata chiamata in causa per chiarire una volta del tutto la questione, confermando quanto già affermato dal Consiglio di Stato. Emilio Viafora, Presidente della Federconsumatori sulla vicenda si è così espresso:

   

“Un passo avanti importante nella tutela dei cittadini, che sgombera il campo da ricorsi pretestuosi utili solo ad allungare i tempi del giudizio attraverso un continuo rimpallo di responsabilità.”

Una volta eliminati tutti i rallentamenti burocratici sarà quindi possibile focalizzarsi sulla tutela dei diritti dei cittadini e sull’applicazione delle sanzioni alle pratiche che rischiano di violarli.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.