Tech

IDC analizza il settore dei wearables: i mercati emergenti trainano la crescita

Una ricerca di mercato di IDC, International Data Corporation, ha analizzato il settore dei wearables, notando un aumento del 5,5% grazie ai ricavi ottenuti dai mercati emergenti.

Il secondo trimestre del 2018 è stato caratterizzato da una crescita del mercato, con un volume di 27,9 milioni di unità, ovvero il 5,5% in più rispetto all’anno scorso. In termini di fatturato, il mercato ha raggiunto i 4,8 miliardi di dollari, con un aumento anno su anno dell’8,3%, grazie alla maggiore popolarità degli smartwatches e del loro prezzo elevato.

Osservando la distribuzione del mercato, si nota come i mercati del Nord America, del Giappone e dell’Europa abbiano perso il 6,3% anno su anno. I mercati emergenti invece, come quelli del Medio Oriente, dell’Africa e dell’America Latina, hanno visto una crescita del 14%, grazie a una domanda ancora solida delle wristbands, a causa del loro prezzo abbastanza basso.

Il declino nei mercati maturi, commenta Jitesh Ubrani, analista di IDC, non è tuttavia tale da preoccupare particolarmente i produttori. In questi mercati gli utenti saranno probabilmente spinti a passare a wearables più sofisticati.

Infatti, la precedente generazione di dispositivi si concentrava su processi ed elaborazione di dati molto semplici, come il calcolo dei passi. Se il segmento riuscirà invece a garantirsi l’appoggio degli sviluppatori software, dei produttori di componenti e delle istituzioni sanitarie, è probabile che la crescita per i prossimi anni raggiunga valori davvero rilevanti.

Il declino dei wearables più classici è la risposta all’esigenza di uno strumento più completo e complesso, come ad esempio lo smartwatch. Tuttavia, esistono ancora dei profili di clienti che preferiscono la semplicità e l’economicità di un dispositivo leggero e poco ingombrante, così da sostenere la domanda dei famosi fitness trackers o degli orologi ibridi.

IDC wearables
I cinque maggiori produttori di Wearables nel secondo trimestre del 2018.

Per finire, il documento di IDC analizza le aziende più solide operanti nel segmento dei wearables. A primeggiare è Apple, con una domanda costante anche grazie al suo SmartWatch LTE.

Il secondo posto è occupato da Xiaomi, grazie a una gamma di prodotti molto ben diversificata, che permette di soddisfare le esigenze di performance e di prezzo della maggior parte degli utenti.

A seguire Fitbit, che nonostante il continuo declino resta sul podio. Il recente lancio del Versa potrebbe però permettere al colosso dei wearable per il fitness di espandere la sua clientela in tutto il mondo.

Il quarto posto è occupato da Huawei, con gli stessi meriti di Xiaomi anche in termini di concentrazione nei mercati più strategici. Per finire, chiude la classifica Garmin, che ha superato Samsung grazie al successo senza tempo della linea Vivo.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button