TiscaliSicurezza MobileEolo

SCAM: tentativi di phishing ai danni degli utenti, su finti siti Tiscali ed Eolo

Negli ultimi giorni sono operative delle pericolose pagine web, che fingedosi siti ufficiali Tiscali, attuano tentativi di phishing ai danni degli utenti meno attenti. Vale lo stesso per Eolo, che proprio nella giornata di oggi, ha fatto sapere della presenza di concorsi e/o selezioni online falsi.

MondoMobileWeb, come sempre, appresa la notizia ha deciso di informare i propri lettori con la consapevolezza che, purtroppo, ad oggi non si tratta di una novità, nel senso che questo tipo di frode circola periodicamente nella rete e spesso finisce per ingannare parecchie persone.

Nello specifico di Tiscali, si tratta un invito ad eseguire un breve questionario di 9 domande, dopo il quale l’utente può vincere un Samsung Galaxy S9, un iPhone X o un iPad Pro.

Come da tradizione, nella finestra di avviso, non mancano termini dal tono urgente, con il quale viene richiesta all’utente un’azione immediata che nasconde dei secondi fini, come ad esempio in fatto di far credere al cliente di essere stato selezionato tra 100 fortunati o di avere un minutaggio massimo entro il quale rispondere alle domande, altrimenti il “regalo” rischia di passare ad un altro “fortunato” utente.

Tiscali ne ha parlato nella propria pagina ufficiale Facebook, informando che sono stati diversi gli utenti che hanno segnalato la presenza di questi tentavi di truffa da parte di finti siti spacciati per il sito ufficiale e invitando tutti i mal capitati a non inserire i propri dati e chiudere immediatamente la pagina.

Nell’avviso, Tiscali specifica che tutte le comunicazioni ufficiali e le offerte vengono pubblicate e pubblicizzate solo ed esclusivamente sui propri canali social e siti ufficiali: casa.tiscali.itpartitaiva.tiscali.itaziende.tiscali.itcloud.tiscali.itpresentaunamico.tiscali.it, www.tiscali.it.

Anche Eolo, un operatore italiano specializzato nel fixed-wireless ultra-broadband per clienti business e privati, purtroppo è stato interessato da questo fenomeno, con la differenza che in questo caso si tratta di finti concorsi e/o selezioni online a premi che riportano il marchio Eolo e che potrebbero rivelarsi tentativi di phishing. Eolo fa sapere di avere prontamente segnalato al proprio reparto legale e di aver denunciato alla Polizia Postale la problematica.

Si sottolinea che sia Tisicali che Eolo non hanno nulla a che fare con questo genere di iniziative che, ripetiamo, sono soltanto l’ennesima trovata dei cybercriminali per fregare gli utenti della rete meno attenti.

In particolare viene definito “phishing“, il nome significa pesca a strascico, ed è una particolare frontiera delle frodi informatiche attraverso la quale si ingannano gli utenti della reteconvincendoli a fornire informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso, fingendosi un ente affidabile.

Lo scopo è sempre quello di tentare di acquisire dati riservati e codici personaliautorizzativi e credenziali di un conto corrente o di uno strumento di pagamento. In molti casi, grazie ai dati forniti, i truffatori riescono a risalire al numero della carta di credito e a clonarla.

Bisogna prestare sempre molta attenzione, i consigli da seguire sono sempre gli stessi: é necessario diffidare dalle richieste di dubbia provenienza, non effettuare collegamenti a strani siti e non comunicare mai informazioni personali come username, password, codici, PIN ecc.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Tag

Continua a leggere

Back to top button
Close