Kena

Aldo Grasso analizza la pubblicità di Kena Mobile e il suo posizionamento strategico

Anche Aldo Grasso, del Corriere della Sera, ha esposto un’interessante interpretazione dello spot di Kena, volta ad indagare la vera immagine del brand che la pubblicità ha provato a riflettere.

Si comprende che l’idea è quella di un marchio nuovo che necessita di una presentazione al grande pubblico di tipo informale, basata sulla risata e sul baccano. Le due star, Fedez e Lino Banfi, rappresentano da un lato l’ambiente giovanile e reazionario, vicino alla filosofia rap, e dall’altro la semplicità e la schiettezza dei non più giovani. Le due anime si uniscono nel mostrare un operatore che vuole rappresentare una profonda rottura con il resto della concorrenza, e che per farlo sceglie la via della semplicità e dell’immediatezza.

In tal senso, l’analisi di Aldo Grasso fa riflettere sul decisivo ruolo del fracasso. Lino Banfi viene svegliato da un concorso rap indetto da Fedez per trovare un motto rappresentativo del nuovo operatore virtuale, così come l’utenza verrà ridestata dal rumore fatto da Kena Mobile, che si propone come un operatore in grado di offrire tariffe per tutte le esigenze, a prezzi bassi e con la massima trasparenza.

Il seguito è già virale: Lino Banfi irrompe nell’appartamento di Fedez, il suo vicino di casa, e, prendendo in mano il microfono, urla la frase: «e passa a Kena, porca puttena!». Gli amanti dei film di Banfi degli anni ’80 ricorderanno con nostalgia battute simili, nell’originale dialetto pugliese dell’attore.

Si giunge quindi alla commistione tra modernità e tradizione che, basata sulla comicità più diretta e genuina, è specchio del posizionamento strategico di Kena: intercettare il maggior numero possibile di utenti di ogni generazione, con un approccio informale ed efficace.

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button