Test 5G: l’operatore Orange vuole iniziare le sperimentazioni in Francia e Romania


L’operatore francese Orange ha annunciato di voler avviare delle sperimentazioni del 5G entro la fine dell’anno in Francia e Romania, lavorando anche per costruire un’antenna smart per la connettività in 4G e 5G, con la collaborazione di Nokia e Kathrein.

Al momento il nuovo dispositivo non è altro che un prototipo, ma secondo l’operatore sarà abbastanza compatto da poter essere installato nelle torri attuali.

In Francia, l’operatore ha deciso di sperimentare il 5G sia nella città di Lille che a Douai, tra la metà del 2018 e la metà del 2019. Orange ha intenzione di iniziare immediatamente, ma necessita al momento delle autorizzazioni da parte di Arcep, l’Autorità che regola le comunicazioni in Francia. Per effettuare tutti i test tecnici del caso, è stato già annunciato che verranno utilizzati gli strumenti di Ericsson.

   

Sempre in collaborazione con Ericsson, l’operatore francese punta poi a testare il 5G nel settore automotive, sperimentando la connettività per la guida autonoma. L’idea per questo progetto deriva da una stretta collaborazione tra Orange e Utac Ceram, un gruppo francese specializzato nel testing e nella certificazione di autovetture da oltre quindici anni.

In Romania, invece, Orange avvierà la fase di test del 5G durante la seconda metà del 2018, con diversi Partners, tra i quali Samsung e Cisco. In questo caso, il focus sarà lo studio del “fixed access” del 5G: Orange cercherà di scoprire come questo sistema possa coniugarsi con il suo network di fibra in tutta Europa, con particolare riferimento al mercato consumer, ma anche considerando il settore business.

 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter e iscriviti gratis nel nostro canale Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale. Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze.


 



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus