TIM, Fastweb e Huawei collaborano per portare avanti il progetto “Bari Matera 5G”


Il progetto “Bari Matera 5G”, messo a punto da Tim, Fastweb e Huawei, si avvicina sempre più ad essere consolidato allo scopo di ottenere dei servizi innovativi in settori come la sanità, l’industria 4.0, il turismo, la cultura, l’automotive e la sicurezza stradale.

Grazie ad un investimento di oltre 60 milioni in 4 anni e alla collaborazione di 52 partner di eccellenza (7 centri universitari e di ricerca, 34 grandi imprese e 11 pubbliche amministrazioni), Bari e Matera diventeranno le prime due città del Sud Italia dotate di connessione 5G.

Grazie ad un investimento di oltre 60 milioni in 4 anni e alla collaborazione di 52 partner di eccellenza (7 centri universitari e di ricerca, 34 grandi imprese e 11 pubbliche amministrazioni), Bari e Matera diventeranno le prime due città del Sud Italia dotate di connessione 5G.

Le finalità e le caratteristiche del progetto sono state illustrate ieri 8 Novembre 2017 al Palazzo di Città di Bari da Giuseppe Recchi, Vice Presidente Esecutivo di TIM, Alberto Calcagno, Amministratore Delegato di Fastweb,  Edward Chan, CEO di Huawei Italia, alla presenza del Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico con delega alle comunicazioni, Antonello Giacomelli, del Sindaco di Bari, Antonio Decaro, e del Sindaco di Matera, Raffello Giulio De Ruggieri.

   

Durante la Conferenza Stampa, Giuseppe Recchi ha dichiarato :

A marzo di quest’anno abbiamo avviato il 5G a Torino con risultati eccellenti, ora tocca al Sud. La nuova tecnologia ci permette di creare un ecosistema di apparati e device connessi, il cosiddetto “Internet delle cose”, che in questo caso sarà di sostegno allo sviluppo industriale per Bari e alla crescita dei flussi turistici per Matera. Inoltre il 5G innoverà tutti i processi industriali e di servizio, dal manifatturiero al trasposto merci, dal monitoraggio ambientale all’agricoltura di precisione, dalle città intelligenti alla mobilità urbana, dalla sanità alla scuola.

Grande entusiasmo anche per Alberto Calcagno, fiero della tecnologia 5G Fastweb, pronta a fare la differenza come già accaduto 18 anni fa per la fibra ottica. Edward Chan si ritiene soddisfatto dei continui investimenti di Huawei in ricerca ed innovazione, che hanno portato ad importantissimi traguardi nell’architettura di rete, nell’utilizzo dello spettro, nella tecnologia delle interfacce, nella prototipazione e nelle verifiche sul campo.

Nella foto, da sinistra: Giuseppe Recchi Vice Presidente di TIM, Alberto Calcagno Amministratore Delegato di Fastweb, Edward Chan CEO di Huawei Italia

I primi esperimenti con tecnologia 5G partiranno entro Giugno 2018, con due anni di anticipo rispetto agli obiettivi delineati dalla Comissione Europea, e raggiungeranno il 75% di copertura della popolazione entro la fine dello stesso anno. La copertura integrale delle due città è prevista entro il 2019.

Nella fase di sperimentazione si realizzerà uno dei primi porti 4.0 in Italia a Bari, con lo scopo di migliorare la sicurezza, il controllo degli accessi e la logistica per le operazioni di carico e scarico, che saranno automatizzate grazie a soluzioni Internet of Things. A Matera, capitale europea della cultura 2019, saranno invece esplorate le frontiere legate alla ricostruzione 3D di siti archeologici e musei, con visite virtuali ai Sassi, al Parco della Murgia Materana e alle numerose chiese presenti sul territorio.

La sperimentazione di TIM, Fastweb e Huawei permetterà di realizzare a Bari e Matera un vero e proprio laboratorio della tecnologia mobile di ultima generazione, che comporterà una radicale trasformazione digitale delle due città coinvolte.

 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter e iscriviti gratis nel nostro canale Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale. Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze.


 



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus