Tech

Covisian porta il customer care nel Metaverso come prima azienda del settore BPO

Oggi, 25 Luglio 2022, Covisian, azienda operante nel settore del Business Process Outsourcing (BPO), porta come prima realtà del settore, i servizi di assistenza clienti (customer care) nel Metaverso, creando un servizio di customer journey (il percorso e tutti i punti di contatto tra un consumatore e un marchio, un prodotto o un servizio), utile al posizionamento dei brand e favorevole alla valorizzazione delle interazioni con i clienti.

L’obiettivo dell’azienda è quello di soddisfare le richieste delle imprese orientate all’utilizzo degli ecosistemi virtuali del Metaverso, che ad oggi, secondo Covisian prevede un potenziale di 5 miliardi di utenti.

Queste le parole di Gabriele Moretti, Founder e Chairman di Covisian, che dichiara:

“Il Metaverso sta attirando sempre maggiore interesse tra le aziende quale nuovo strumento di business.

Il settore del BPO non può, quindi, ignorare questa realtà ma, al contrario, deve utilizzarla quale nuovo driver di sviluppo. Covisian investe costantemente da 25 anni nella customer experience per proporre ai clienti le migliori e più innovative soluzioni.

Non potevamo, quindi, non essere noi i primi a fornire alle aziende nuove soluzioni di questo tipo.”

Nello specifico, il nuovo servizio è basato sullo strumento Vivocha, la piattaforma dell’azienda dedicata all’assistenza clienti, e include la realizzazione di ambienti personalizzati in Metaversi dedicati oppure ambienti all’interno dei cosiddetti Metaversi open world, a mondo aperto, oltre allo studio del contesto e della customer journey e all’individuazione del Metaverso più adatto.

La soluzione, inoltre, secondo Covisian, migliorerebbe l’offerta di servizi di customer care e di supporto alla vendita all’interno degli ambienti virtuali, offrendo ad esempio una funzione di visualizzazione in 3D dei prodotti all’interno di uno store, o la possibilità di provare virtualmente abiti e accessori, oltre all’ingaggio dei clienti nelle fasi di acquisto di prodotti e servizi, e al supporto per la sottoscrizione o gestione di operazioni finanziarie, all’interno di una filiale bancaria o assicurativa virtuale.

Gabriele Moretti, Founder e Chairman di Covisian, continua la sua dichiarazione, affermando:

“Attualmente l’utilizzo del Metaverso riguarda principalmente le attività legate al lavoro, ai social media e al gaming. Gli ambiti più coinvolti in questo momento sono quelli dell’innovazione e del marketing, che possono ottenere già dei buoni risultati in termini di brand awareness e di engagement.

Si sta inoltre registrando un importante aumento di interesse per la lead generation, la creazione di contenuti, il recruitment e l’e-learning.

Questo evidenzia uno sviluppo dell’uso del Metaverso che va oltre la creazione di ambienti di acquisto, di vendita o di entertainment, per entrare anche nella sfera personale delle relazioni, aprendo le porte a grandi opportunità di crescita.”

Secondo i dati a disposizione dell’azienda, l’insieme delle imprese interessate oggi all’impiego di questo strumento si può dividere in 4 aree: media entertainment (30%), finanziario (30%), retail (20%) e difesa, automotive ed education (15%), con il restante 5% che riguarda altri settori.

Il settore finanziario, sempre secondo Covisian, è a sua volta suddiviso per il 60% nell’ambito delle criptovalute, il 30% è dedicato alla vendita degli NFT e il 10% all’acquisto delle cosiddette land, che costituiscono il mercato immobiliare del Metaverso.

Editing Mattia Castro

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button