Rimodulazioni TariffarieTimWindTre

Rimodulazioni: NVAR e INVAR ON, i comandi di WindTre e Tim per rinunciare agli aumenti tariffari

Negli ultimi mesi, gli operatori WindTre e Tim hanno informato alcuni loro clienti di rete mobile in merito alle rimodulazioni che interesseranno le loro offerte mobile prepagate, con conseguente aumento dei Giga disponibili e del costo mensile. È possibile, tuttavia, rifiutare le modifiche tramite un comando via SMS.

La motivazione principale delle rimodulazioni delle condizioni contrattuali da parte degli operatori di telefonia mobile è quella di continuare a investire sulla rete per offrire massima qualità dei servizi.

Nello specifico, i clienti WindTre coinvolti saranno interessati dall’aumento del costo mensile variabile in funzione delle caratteristiche dell’offerta di partenza (ndr WindTre non ha specificato l’entità dell’importo massimo), a partire dal 13 Luglio 2022, mentre i Giga extra (variabili da 15 Giga fino a Giga Illimitati) sono già disponibili dal 14 giugno 2022.

Come già accaduto in precedenza, WindTre permette ad alcuni propri clienti coinvolti di mantenere costi e contenuti della propria offerta di partenza, se si invia un SMS gratuito con il testo “NVAR” al 40400, entro 30 giorni dalla ricezione della comunicazione dalle rimodulazioni.

In alternativa, il cliente può decidere di recedere o passare a un altro operatore, senza penali né costi di disattivazione, entro 60 giorni dalla ricezione dello specifico SMS informativo.

Per quanto riguarda Tim, invece, l’aumento del prezzo mensile (fino a 2 euro IVA inclusa) di alcune offerte mobili avverrà a partire dal 1° settembre 2022, contrariamente all’incremento del bundle dati mensile (che va da un minimo di 30 Giga al mese fino a Giga illimitati) che è disponibile sin dalla ricezione dell’SMS informativo.

I clienti TIM coinvolti, anche in questo caso, possono richiedere di mantenere invariati il costo e i contenuti della propria offerta, inviando un SMS gratuito col testo “INVAR ON” al 40916, entro il 31 luglio 2022, oppure possono recedere dal contratto o passare ad altro operatore nazionale, senza penali né costi di disattivazione, dandone comunicazione entro il 30 settembre 2022.

Il cliente TIM può anche decidere di disattivare o cambiare l’offerta oggetto di variazione contrattuale, mantenendo la linea mobile con Tim.

Rimodulazioni

Relativamente alla questione rimodulazioni, l’ADUC (Associazione Diritti Utenti e Consumatori) lo scorso giugno 2022 ha deciso di denunciare WindTre all’Autorità garante della concorrenza e del mercato (AGCM).

L’associazione ritiene, infatti, che la possibilità di utilizzare il comando NVAR, trasformi questa modifica unilaterale in una vendita per “opt-out, che è vietata dall’articolo 65 del Codice del consumo, il quale prevede il consenso espresso del consumatore per qualsiasi pagamento supplementare (cosiddetto opt-in).

Proprio per questo, l’ADUC ha definito tale pratica una sorta di “costo della distrazione”, in quanto chi dimentica di inviare l’SMS di diniego, pagherà ogni mese un costo maggiore dell’offerta.

Si specifica, comunque, che l’Avv. Emmanuela Bertucci, legale e consulente ADUC, già in passato si è occupata di modifiche unilaterali di questo genere (all’epoca si trattava ancora di Wind) oltre al fatto che, vista la similarità delle operazioni, non è escluso che la suddetta denuncia non possa coinvolgere anche l’operatore Tim.

Nel frattempo, Antongiulio Lombardi, Direttore Affari Regolamentare ed Istituzionali di WindTre, ha recentemente inviato una lettera all’AGCOM, in cui ha richiesto l’applicazione di una nuova procedura in grado di permettere all’operatore di aumentare i prezzi delle offerte in automatico, in base all’inflazione, senza che il cliente abbia la possibilità di invocare il diritto di recesso (si fa riferimento anche a Tim, che vuole legare all’inflazione le tariffe applicate alle società interessate a noleggiare la sua rete all’ingrosso).

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button